C’è Benevento-Napoli, il derby di San Gennaro dall’Alto della sua Tribuna privilegiata

di Davide Capano

Pensi a Benevento-Napoli e respiri profumo di calcio e di Alto. Specialmente al Sud, dove i tifosi restano la vera locomotiva per alcune squadre. Alla faccia dei fatturati! Sì, perché domenica sera all’ora della pizza, al Ciro Vigorito, si affrontano la prima e l’ultima della classe.Coda contro Ciro DriesMertens,Aurelio De Laurentiis contro Oreste Vigorito, De Zerbi contro Sarri Beethoven, la provincia contro il capoluogo di regione, settore cinematografico contro eolico,Streghe contro Ciuccio.

La sfida tra sanniti e partenopei è un derby che va oltre il pallone che rotola, tingendosi di Storia.

Uno striscione satirico, creato con particolare simpatia da una frangia di tifosi beneventani durante la gara di andata, finita con un roboante 6-0 per Insigne e soci, ha apert oun dibattito extra-pallone tra devozione, fede e religione.

Il quesito è: ma di dov’è San Gennaro? “San Gennà, ricordati che sei nato a Benevento”, hanno sentenziato i sostenitori giallorossi sugli spalti del San Paolo il 19 settembre, non proprio un giorno qualunque da quelle parti. Questione di santità.

Il Santo è stato vescovo di Benevento ed è patrono di Napoli e della Campania, ma non si sa con sicurezza dove sia nato nel 272, se a Benevento o a Napoli. Secondo alcune fonti potrebbe essere addirittura calabrese… La questione rimane aperta. Difficilissimo stabilirne l’origine: sannita o partenopea? In verità, liturgicamente parlando,il martire cristianorende onore e gloria a tutta la Terra campana nella sua globalità dalla sua Tribuna privilegiata: il Cielo. Quella sì che è una Località magnifica in cui poter contemplare il gioco più bello del mondo.“C’ pienz, tu San Gennà?”, borbottano nella città della Battaglia, dei ponti e dei fiumi…

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *