Due pesi, due misure, due piogge: a Genova non si gioca e a Roma sì…

di Luca Uccello

Piove, governo ladro! Piove e a Genova naturalmente non si gioca, si rinvia. Colpa di un nubifragio tanto improvviso quanto violento che ha causato il ‘posticipo’ di Genoa-Fiorentina per impraticabilità del campo, qualcuno ci spiegherà . La gara, cominciata sotto il sole, è stata sospesa al 28’ del primo tempo sul punteggio di 0-0 dall’arbitro Banti. Possibile recupero vicino a Natale, il 15 dicembre. Speriamo non nevichi! Poi magari qualcuno ci spiegherà il perché e il per come delle ultime 10 partite sospese o rinviate in seire A per maltempo: ben 4 sono state ‘bloccate’ a Marassi. Che campo maledetto. Ma se la banda Juric può ancora sperare di fare punti, non può farlo più la bella, bellissima ma ingenua Samp di Marco Giampaolo che regala un rigore con Skriniar all’ultimo secondo a quel signore chiamato Francesco Totti. Per lui gli anni sembrano non passare mai. Chissà se ci fosse stato anche Antonio Cassano dall’altra parte. Già chissà… E vabbè perdiamo per un rigore forse generoso, che fa rumore tra i tifosi della Samp più per la caduta del gigante Dzeko che per il calcetto di Milan. Un nome che non ci deve spaventare… Un rigore che per c’è ma che mette a tacere quel burbero di Giampaolo, che fa esplodere di rabbia Massimo Ferrero che ordina tweet duri, severi contro la decisione di Giacomelli di far cadere la sua creatura sul bagnato. Davanti le telecamere ci finisce Carlo Osti che fa capire insomma che quel rigore punisce oltremodo una Sampdoria padrona del campo, quello senza pozze d’acqua. Una caduta che ci può stare se voluta da Giove Pluvio, suprema divinità della mitologia greco-romana, che ha costretto i Giampaolo boys a 80′ minuti di parole crociate negli spogliatoi mentre a Genova si decideva di andare a casa. A casa ci deve restare Banti che dopo aver preso la decisione di non attendere la fine di un ‘acquazzone’ estivo si è accomodato su una sdraio a Boccadasse con Mojto e occhiali da sole… Ci vuole pazienza, tanta pazienza e un sacco pieno di fiducia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *