Tourbillon Sampdoria, piccoli passi Genoa

 

Il mercato genovese è a due volti. La Sampdoria è alle prese con una vera e propria rivoluzione. Anche De Silvestri e Castan, dopo Soriano, Correa e Fernando. Sono rimasti Muriel e Quagliarella, ed è rimasta negli occhi l’ottima prova del Camp Nou contro il Barcellona. Ma c’è una squadra ancora da ricostruire, soprattutto in difesa. Bene Bruno Fernandes e Praet, anche Cigarini, ma le uscita in difesa presuppongono nuovi innesti e nuove politiche. E’ stata forse la miglior squadra del campionato italiano la Sampdoria per la capacità di piazzare giocatori nel mercato in uscita dopo la solita Juventus, ma adesso l’emergenza difensiva è chiara.

Rispetto al movimentismo Samp, c’è un certo ritardo Genoa. La squadra rossoblù ha perso tanto, con Gasperini in uscita, con Suso e Cerci tornati alle rispettive basi, con Ansaldi, De Maio e Tachtsidis abbondantemente salutati. Bene gli arrivi di Veloso e Ocampos, da verificare il giovane Simeone, una incognita Gentiletti. Ad oggi il saldo appare negativo. In cuor suo il presidente Preziosi pensava prima o poi di mettere le mani su Matri in prestito, ma Milan e Sassuolo hanno chiuso l’operazione e questa strada non è più praticabile. La permanenza di Pavoletti non è un nuovo acquisto, ma una ancora di salvezza.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *