Manchester United-Liverpool, il derby d’Inghilterra che vale il 2′ posto

di Marco Scipioni – 

NORTH-WEST DERBY –Il ‘Derby del Nord-Ovest’ oppure il ‘Derby d’Inghilterra’, questi sono i soprannomi riservati alla sfida tra le due squadre più titolate d’Inghilterra, ovvero il Manchester United e il Liverpool, match paragonabile per importanza e storia a Barcellona-Real Madrid o Juventus-Milan.
Tuttavia i due club non sono legati da una rivalità così forte solamente in quanto competitori l’uno con l’altro per i maggiori trofei in campo nazionale e in quello internazionale, ma anche per ragioni geografiche, infatti, le due squadre, pur non condividendo la stessa città, sono comunque molto vicine dal momento che Liverpool e Manchester distano soltanto un centinaio di chilometri.

IL SORPASSO – Il derby che si disputerà nel prossimo week-end calcistico sarà molto sentito anche per ragioni di classifica, infatti, il Liverpool, al momento, occupa la terza posizione della classifica della Premier League, a soli due punti di distacco dal Manchester United, secondo con 62 punti. I Reds, dunque, violando l’OldTrafford avrebbero l’opportunità di scavalcare i rivali nella graduatoria e, sebbene, ciò non comporti grandi prospettive in termini di vincita del campionato, infatti, il Manchester City, primo, dista 16 punti dalla squadra di Mourinho e 18 da quella di Klopp, tuttavia sarebbe un segnale importante in termini di competitività e di prestigio, oltre che in nome della tifoseria del Liverpool che tanto apprezzerebbe il sorpasso.

IL MOMENTO –Il Manchester United arriva alla partita contro il Liverpool dopo aver ottenuto in campionato 19 vittorie, 5 pareggi e 5 sconfitte. Nelle stesse 29 partite la squadra di Klopp ha, invece, vinto 17 incontri, pareggiato in 9 occasioni, mentre soltanto 3 volte è uscita sconfitta dal campo.
Attualmente gli ospiti, i Reds, arrivano in condizioni migliori alla sfida contro i rivali, infatti, nelle ultime 7 partite la squadra di Klopp ha vinto 5 volte e nelle altre 2 partite ha ottenuto due pareggi; la sconfitta dalle parti di Liverpool non si vede dallo scorso 27 gennaio quando in FA Cup il West Bromwich trionfò ad Anfield per 3-2. Il Manchester United, invece, nelle ultime 7 gare ha vinto 4 volte, pareggiato in una sola partita contro il Siviglia in Champions League e perso le altre 2 volte.
Numeri migliori per la squadra di Klopp anche per quanto riguarda le segnature, infatti, il Liverpool nelle ultime 7 partite è andato in gol 18 volte, esattamente il doppio delle reti siglate dalla squadra di Mourinho; stessa proporzione anche per le reti subìte in quanto il Liverpool ha subìto 3 gol, esattamente la metà di quelle incassate dal Manchester United.

I PRECEDENTI – Sabato 10 marzo l’incontro tra Manchester United e Liverpool toccherà quota 200 partite, di cui, al momento, le vittorie dei RedDevils sono 79, quelle dei Reds, invece, sono 65, mentre nelle altre 55 occasioni la partita è terminata in parità. La prima delle 199 è stata disputata nel lontano 1894, più precisamente il 28 aprile, e vide vincitore il Liverpool per 2-0 in quello che fu un match amichevole, infatti, i campionati professionistici non erano ancora stati istituiti.
La gara del girone di andata della Premier League, disputata il 14 ottobre scorso, è terminata con un pareggio per 0-0 ed è stato il quarto incontro consecutivo in cui le due rivali si sono affrontante e hanno raccolto un punteggio di parità; tale striscia, dunque, iniziata il 17 marzo 2016 è ancora aperta. Negli ultimi 9 precedenti, oltre alle ultime quattro partite, terminate in parità, la quinta giocata il 10 marzo 2016 è stata vinta dal Liverpool per 2-0 mentre le restanti 4 hanno visto trionfare il Manchester United. In queste ultime 9 partite il Manchester United ha segnato 11 gol mentre il Liverpool si è fermato a 6.

Il rendimento degli ultimi mesi e delle ultime partite dice Liverpool, la storia, invece, pende verso il Manchester United: vincerà la squadra di Mourinho e blinderà così il secondo posto? Sarà, invece, il Liverpool di Klopp a trionfare scavalcando così i rivali?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *