Nel suo continuo derby con se stesso, Andrè Silva elettrizza il Milan

di Valentino Cesarini –

Un guizzo, il primo in A, di André Silva regala tre punti pesantissimi al Milan che espugna il Ferraris di Genova. Finisce 1 a 0 per i ragazzi di Gattuso che superano un buon Genoa, squadra che nell’ultimo periodo era riuscita ad uscire vincitrice con la Lazio e in casa aveva superato l’Inter.

Una vittoria che arriva proprio all’ultimo tuffo. Quando mancano otto secondi al triplice fischio di Fabbri, Suso dalla destra effettua un cross che il portoghese André Silva di testa colpisce benissimo, beffando sul primo palo Perin, che nulla può se non raccogliere la sfera dal sacco. Tre punti che in casa del Genoa, al Milan mancavano dal 7 aprile 2014: da quel momento tre KO su altrettante gare.

Vedendo un po’ di numeri e curiosità: l’ultimo 1-0 del Milan in casa dei rossoblu risaliva al 4 maggio 1974 quando decise una rete di Luciano Chiarugi. E restando sempre in tema di numeri, era dal marzo del 2013 che il Milan non vinceva quattro gare di fila in campionato senza subire goal (Lazio, Genoa, Palermo e Chievo all’epoca), e da aprile dell’anno successivo che i rossoneri non vincevano quattro gare consecutive in A (Fiorentina, Chievo, Genoa e Catania).

Gattuso, che voleva vedere una reazione dopo la sconfitta con l’Arsenal, in parte può essere soddisfatto, anche se ancora si deve lavorare eccome per migliorare. Partito con il classico 4-3-3, l’allenatore ha provato a svoltare intorno al 70’, quando è passato al 4-4-2 con l’esclusione del turco Calhanoglu per inserire André Silva. Una mossa che ha premiato il tecnico calabrese, che proprio all’ultimo è stato premiato dal portoghese, finalmente a segno anche in Serie A, dopo i goal in Europa League. Milan che però non è stato brillante, anzi, a volte il gioco è risultato prevedibile e per il Genoa non è stato difficile difendersi.

Padroni di casa che dopo essersi visti annullare dalla VAR un goal di Rigoni per fuorigioco, si sono divorati il vantaggio con Zukanovic che di testa, a pochissimi passi da Donnarumma, ha mandato clamorosamente a lato. Una vittoria fondamentale per il morale e per la classifica, anche se la zona Champions rimane lontana e difficilissima da raggiungere.

Ora i rossoneri saranno di scena a Londra contro l’Arsenal nel ritorno degli ottavi: quasi impossibile espugnare l’Emirates, vedendo anche i precedenti, ma Gattuso e la sua banda proveranno a scrivere una pagina di storia. L’obiettivo del Milan è quello di arrivare in Europa anche la prossima stagione: per farlo deve arrivare fra le prime sette in campionato oppure vincere la Coppa Italia.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *