Data recupero derby: l’Inter per il regolamento, il Milan per i tifosi

di Mattia Marinelli –

Il derby da recuperare è Milan-Inter. Non Inter-Milan. L’incasso e il rapporto con i propri tifosi il club nerazzurro se li è curati nel derby di andata giocato a metà del mese di ottobre del 2017. Il ritorno tocca al Milan. Ed è il club rossonero a immaginare quante proteste potrebbe ricevere, con molte defezioni che intaccherebbero il fattore campo, nel caso in cui la stracittadina milanese venisse recuperata il 3 o il 4 aprile 2018, durante una normale settimana di lavoro.

In questo caso sarebbero molti i tifosi che, per impegni di trasferta o di lavoro, venendo dalle altre regioni d’Italia o dall’estero, sarebbero costretti a rinunciare al derby. Se invece si giocasse il 25 aprile o il 1′ maggio sarebbe diverso, con il derby a disposizione di tutti quei tifosi che avevano già fatto tanti sacrifici per raggiungere Milano lo scorso 4 marzo per la sfida poi rinviata per la scomparsa del povero Davide Astori.

Anche per questo motivo, il derby deve essere un fatto di sentimenti e di tifoserie, non solo di burocrazia e regolamenti. Ma, in definitiva, come stanno le cose? Quali sono le posizioni in campo? Quando si potrà giocare Milan-Inter?

I quotidiani di oggi sintetizzano così la questione: “Se i rossoneri saranno eliminati dall’Europa League, allora sarà possibile stabilire il recupero. Il Milan ha provveduto a comunicare come data gradita il 25 aprile, un giorno festivo, per avere più tifosi visto che si giocherà comunque alle 18.30 (concomitanza con la Champions). Il regolamento prevede che le partite rinviate vengano recuperate entro 15 giorni, oppure alla prima data utile. E’ al regolamento che l’Inter pretende di attenersi: se il Milan sarà eliminato, il recupero del derby non potrà che essere fissato il 3 o il 4 aprile”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *