Mirabelli pre-Juve: ignora Raiola e Sabatini ma blinda Gattuso

di DDD –

Serata sponsor, evento pre-pasquale per il Milan nel bresciano, in Franciacorta. Ospite, con giornalisti e sponsor, della tenuta La Montina di Monticelli Brusati (Brescia), il ds rossonero Massimiliano Mirabelli non ha lesinato parole e riflessioni.

Sugli avversari, ha sostanzialmente glissato, come quando si è trattato di trattenersi dal rispondere a Raiola: “Come abbiamo detto sempre: Donnarumma non si tocca se non lo decidono il Milan e lui stesso”. E sulle dimissioni nerazzurre: “Io posso parlare per i rapporti che abbiamo noi e non è complicato rapportarsi con la nostra proprietà cinese. Non conosco le dinamiche successe a Sabatini, non posso esprimere giudizi”.

Queste invece le considerazioni su Gattuso: “Non c’è nessun problema. Già da tanti mesi, voi pensavate quando abbiamo preso Gattuso che era un traghettatore. Non ci avete mai sentito dire una cosa del genere. Noi pensavamo di aver trovato l’allenatore giusto per il Milan, conoscevamo quali erano e sono le sue qualità umane e tecniche che conoscerete anche voi mano a mano. Dobbiamo ringraziare la nostra proprietà cinese che ci lascia liberi nelle scelte, ci lascia lavorare, parlo di me e di Fassone. Devo ringraziarlo perché per me è un grande dirigente, dove nella materia dei discorsi societari è un fenomeno per me. Sa fare, soprattutto, i suoi collaboratori. Distingue bene i ruoli. Quando abbiamo fatto la scelta di prendere Gattuso, non era facile in quel momento fare una cosa del genere, ma grazie al sostegno di Fassone e della società ci siamo riusciti. C’è da non vedere nulla, solo da trovare il momento di farlo. Non c’è nessun tipo di discorso di aspettare niente e nessuno. Abbiamo un grande feeling, così come lo avevo già con Fassone. Si è aggiunto Rino e abbiamo aggiunto questa parte. Mi sento in mezzo, mi lasciano tranquillo perché nella mia mente ho due fenomeni. Mi sento protetto da Fassone per quanto gli riguarda e da Gattuso per quelle che sono le sue competenze. Mi sento fortunato ad essere in questa situazione”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *