Indignazione argentina: Gomez non l’ha fatto apposta, ma intanto l’ha fatto…

di Franco Ordine –

Se ne sono accorti anche in Argentina. E un giornale di Baires ha chiamato al telefono Papu Gomez per chiedergli conto di quell’intervento carogna sulla schiena di Biglia che è costato al suo connazionale l’impossibilità a giocare il secondo tempo. Tutti sapevano, Gomez incluso, che Biglia era reduce da un doloroso infortunio al costato con frattura di due vertebre. Tutti sapevano del suo coraggioso recupero. Tutti sapevano che in quella zona del busto Biglia avvertiva ancora fitte e dolori. Ha stretto i denti e si è presentato a Bergamo perché dietro il viso da chierichetto c’è un carattere spigoloso da combattente autentico.

Sul finire del primo tempo, per contendere una palla alta che stava finendo dalle parti di Biglia, Gomez, impossibilitato ad arpionarla, gli è piombato sulla schiena e l’ha costretto a chiedere il cambio durante l’intervallo. “Non l’ho fatto apposta” ha dichiarato al giornale argentino. Ci mancherebbe che l’avesse confessato. Solo che la dinamica della collisione e la tigna degli argentini ci fanno propendere per la tesi opposta. Non l’ha fatto apposta ma è andato a cercarlo Biglia. E l’ha mandato ko. Complimenti a Gomez e al numero industriale di falli commessi dagli atalantini nel primo tempo in particolare (13 contro 3).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *