La prossima stagione: zero derby fra Palermo e Catania

di Carmelo Catania –

Lunedì 11 giugno la città di Catania si è risvegliata, per chi è riuscito a prendere sonno, con l’immagine impressa di quel pallone che si è infranto sulla traversa del Massimino e che ha condannato il Catania ad un altro anno di Lega Pro, il quarto consecutivo. Una delusione enorme per tutta la città e per quei 20 mila che avevano affollato il Massimino e spinto la propria squadra ad un impresa che probabilmente era alla portata e che si è fermata dopo i calci di rigore.

Al Catania resta un grande rammarico per non aver chiuso prima la gara, giocata in superiorità numerica per dei buoni 40 minuti. Troppa la paura di perdere in quei supplementari, dopo una gara che i rossoazzurri erano riusciti a ribaltare dopo lo svantaggio iniziale.  Il ricordo della traversa di Ciccio Lodi al 118’ accompagnerà i tifosi etnei probabilmente per diversi mesi.

Non ci sarà nessun derby con il Palermo nella prossima stagione, anzi, i rosanero potrebbero aumentare di due categorie la distanza tra i due club, grazie alla finale raggiunta contro il Frosinone in virtù della vittoria sul Venezia. Entusiasmo ritrovato per tutta Palermo, con i tifosi che hanno riempito finalmente il Barbera, pieno come non lo si vedeva da anni.  Contro il Venezia erano quasi in 30 mila e contro il Frosinone in finale si potrebbe facilmente superare questo dato.

Che sia A o B, per i rosanero una sola certezza, il prossimo anno non giocheranno nessun derby siciliano. Un derby che invece sperano di giocare in Calabria, tra Crotone e Cosenza, con i lupi che hanno avuto la meglio sul SudTirol e che sabato si giocheranno a Pescara l’accesso alla B contro la Robur Siena. Se la vittoria si ottenesse solo con gli spettatori, Catania e Cosenza probabilmente sarebbero già in Serie B, ma come sempre a scendere in campo vanno i giocatori e non i tifosi.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *