Nuovo socio Milan, fra “fuoripista” e sciocchezze galattiche

di Giancarlo Fusco –

“Basta un pizzico di fantasia per riuscire a volare e raggiungere all’Isola che non c’è” … Appunto, l’isola che non c’è e a parlare era Peter Pan. Cosa centra tutto ciò con quello che state per leggere? Semplice, parliamo di Milan e da quando Yonghong Li è subentrato a Silvio Berlusconi sono circolate tante di quellefake news a riguardo che, onestamente, ad oggi ne ho perso addirittura il conto. Si è partiti dai rumors secondo i quali Yonghong Li altro non era che un ‘prestanome’dell’ex presidente rossonero, per finire l’enorme giro alla folle idea che avrebbe voluto degli imprenditori originari di Napoli dietro Mister Li. Notizie, queste, che se da una parte strappano un sorriso, dall’altra potrebbero creare non pochi dispiaceri perché dietro il Milan, la macchina Milan, c’è tanto lavoro, lavoro onesto e non facile da gestire per far collimare tutto al meglio. Lavoro che, a causa di diversi detrattori, avrebbe potuto correre il rischio dissolversi nel nulla. Appunto, avrebbe. Dietro il Milan c’è, infatti, un’ottima organizzazione societaria e, soprattutto, c’è trasparenza, cosa che potrebbe bastare per non far circolare voci inventate.

Non sono qui, comunque, ad attaccare l’uno piuttosto che l’altro. Vorrei, invece, soffermarmi su quella che è la notizia del giorno.Yonghong Li ha trovato un socio di minoranza! Possiamo fermarci qui? Neanche per idea. Riattiviamo il motore delle presunte indiscrezioni e tiriamo nel calderone tanti nomi. Tra questi uno potremo indovinarlo. Per cortesia, non andiamo oltre perché la verità, al momento, sembra essere una sola e riguarda la trattativa per l’ingresso in società di un nuovo socio. Non voliamo sull’isola che non c’è perché da Casa Milan non è trapelato alcun nome né tanto meno sono trapelati identikit. Le notizie, però, si stanno espandendo a macchia d’olio e il rischio di un tonfo è davvero enorme. Risultato? I tifosi, soprattutto quellisocial, potrebbero incattivirsi verso una società che ‘ama il tifoso del Milan‘ e che mai prenderebbe in giro. Dunque, occhio alle notizie. Limitiamoci a sapere che il Milan tra non molto potrebbe accogliere in società l’ingresso di un socio di minoranza. Notizia che, se venisse confermata, sarebbe sicuramente accolta con piacere.

Un nuovo socio, infatti, porterebbe nuova linfa alle casse societarie, immetterebbe i 32 milioni di euro da stanziare entro fine giugno per l’aumento di capitale e in un sol colpo estinguerebbe il debito contratto da Yonghong Li con il Fondo Elliott. Occhio, però, anche qui alle fake newsperché l’attuale presidente rossonero ad oggi ha sempre tenuto fede ai suoi impegni-accordi economici senza alcun problema e non è ‘povero’come qualcuno si è dilettato a dire. Contenti coloro che parlano di difficoltà economiche se i soldi arrivano il lunedì piuttosto che il venerdì. Ma questa è una storia a sé.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *