L’evoluzione di Cancelo: da terzino destro a esperto di mercato

di Mattia Marinelli –

Fanno discutere le parole di Joao Cancelo, terzino portoghese in forza all’Inter nell’ultima stagione, che ha fatto ritorno al Valencia e, nell’attesa di conoscere il suo futuro, ha rilasciato un’intervista a Tuttosport, poi da lui stesso criticata (un po’ di confusione?), dove ha parlato dell’esperienza a Milano e della sua prossima destinazione.

Il portoghese, nella lunga chiacchierata con la giornalista Claudia Garcia, si è lasciato scappare una frecciatina al Milan: “Se l’Inter perde due gare di fila, tutti ne parlano ma se il Milan ne perde sei, nessuno parla. Abbiamo zittito tutti: l’Inter ha aggiunto solo 2 o 3 calciatori in più alla rosa della passata stagione e va in Champions, obiettivo stagionale. Loro hanno speso 200 milioni sul mercato e dove sono finiti? In Europa League! Manca equità in queste osservazioni”. 

Queste stesse frasi non sono riportate sulle pagine di O Jogo,  nella stessa intervista pubblicata dal quotidiano portoghese.

Il Milan ha speso molto, 230 milioni per 11 giocatori, ed è arrivato sesto: in questo senso Cancelo, che è un ottimo giocatore, ha ragione. Ma deve tener conto di due aspetti: nella stagione precedente la “sua” Inter aveva speso 80 milioni per 2 soli giocatori, Joao Mario e Gabigol, ed è arrivata settima; dall’altro lato non sfuggirà a Cancelo che oggi è molto facile spendere tanto sul mercato visto l’impazzimento dei prezzi: lui stesso, che vale 40 milioni quando solo 2-3 anni fa avrebbe avuto una quotazione di 15 milioni con le stesse caratteristiche che esibisce oggi, ne è la dimostrazione vivente.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *