Milan indenne, Atene e mercato decisivi

di Valentino Cesarini –

Primo tempo orrendo, secondo un po’ meglio. Il Milan esce indenne dal Benito Villamarìn di Siviglia, ma la qualificazione i rossoneri se la giocheranno il 13 dicembre sul campo dell’Olympiacos, che ha raggiunto la squadra di Gattuso a quota sette, ad un punto dal Betis che guida la classifica.

Al momento fare calcoli non è semplicissimo. Solamente con sei punti si è certi della qualificazione, con 4 o meno bisognerà vedere soprattutto dopo la prossima giornata, quando il Milan riceverà il fanalino di coda Dudelange e in contemporanea si giocherà Betis-Olympiacos. A quel punto si vedrà cosa occorrerà in Grecia per qualificarsi ai sedicesimi.

Un Milan rimaneggiato, con tante assenze e con Gattuso costretto quasi ad impostare la squadra con un 3-5-1-1. Calhanoglu è nei cinque di centrocampo con le dighe Bakayoko e Kessiè al fianco e con Laxalt e Borini sugli esterni. In attacco, Cutrone è troppo isolato, perché Suso gioca fra le due linee.

Lo Celso beffa i rossoneri anticipando Rodriguez, Sanabria si divora il goal del raddoppio, il Milan non reagisce, anzi è un pugile alle corde e solo grazie a Reina si tiene in gioco.

Nella ripresa, i rossoneri sembrano un pochino più cattivi e al 62’ Suso si inventa il pari con una punizione velenosa. Il Benito Villamarìn fischia, il Milan potrebbe prendere il sopravvento, invece è ancora Reina a salvare la squadra di Gattuso, che per strada perde Musacchio per un durissimo scontro con Kessiè e il turco Calhanoglu per una botta al piede. E lo stesso Kessié termina la gara zoppicando.

Per domenica, contro la Juventus, sarà difficile trovare undici giocatori arruolabili, considerando anche gli stop di Caldara, Bonaventura, Calabria e Higuain. Soprattutto gli ultimi due proveranno a recuperare, ma se ci riusciranno non potranno essere al cento per cento. A proposito di infortuni. Quello di Biglia sarà pesantissimo, perché l’argentino stava iniziando a prendere per mano i compagni. A questo punto a gennaio è scontato l’intervento sul mercato per un centrocampista, perché Bertolacci, Mauri e Montolivo sembrano essere praticamente ai margini (in questo inizio di stagione hanno giocato complessivamente solamente 162’: 80’ Mauri, 82’ Bertolacci e zero Montolivo, tornato fra i convocati solamente la settimana scorsa). Sempre con l’idea, che stuzzica, del ritorno di uno fra Pato e Ibrahimovic che andrebbero a rinforzare il reparto offensivo.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *