Piove! Ma se vuoi andare a Boca-River ci vai senza ombrello!

di Marco Varini –

La sicurezza è il tema chiave dell’andata della Finale di Libertadores fra Boca e River. Anche l’ombrello è vietato. Ci saranno 1.500 agenti di polizia all’interno e all’esterno della Bombonera questo sabato. Eppure è prevista pioggia, ma è proprio questo il motivo di misure curiose tendenti a evitare “elementi pericolosi”.

In ogni caso la grande attesa sta per finire: Boca Juniors e River Plate si affronteranno nell’andata della finale della Copa Libertadores. Una sfida di enorme fascino che mette in palio l’onore della vittoria del Superclasico, oltre che della competizione in sé. Come di consuetudine la finale di Copa Liberadores si giocherà in un doppio confronto: l’andata alla Bombonera, il ritorno al Monumental. Le due squadre sono reduci dalle semifinali vinte contro Palmeiras e Gremio. La gara d’andata tra Boca Juniors e River Plate è in calendario sabato 10 novembre, con il calcio d’inizio fissato alle ore 21.00 italiane (le 17.00 locali).

Che la febbre pre-derby sia a livelli altissimi, lo conferma una notizia: il figlio di una coppia argentina, nato il 16 ottobre, si chiama…River Plate. Per la precisione, Agustin Enzo River Plate Bejarano. Agustin è il nome scelto dalla mamma, mentre papà Nahuel ha scelto Enzo, come El Principe Francescoli, e River, come la squadra del suo cuore.

Adesso è tutto chiaro?

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *