Gattuso: auguro a Montella di trovare un lavoro…

di Mattia Marinelli –

Vincenzo Montella lo aveva accusato di mancanza di rispetto e invitato a pubblico duello. Rino Gattuso ha letto, preso atto, ma non risposto. Ringhio ha preferito stare sulle sue: “Ho già sparato la mia cartuccia (Salvini? ndr) e non posso passare il tempo a rispondere a tutti gli attacchi”. In sostanza, “Nulla da dire, nessun fastidio. Lui la pensa così, gli auguro di trovare il meglio e presto un lavoro”.

Gli altri temi affrontati da Gattuso alla vigilia di Milan-Torino, fra cui il mercato: “Su Ibra non mi risulta nulla, vale sempre quello che dico. C’è Leonardo, Maldini e Gazidis, fate questa domanda a loro. Io devo pensare a quello che ho tra le mani, a Borini che ha un fastidio alla caviglia, a come far muovere i miei attaccanti. A tutto il resto ci pensa la dirigenza. Lucas Paquetà arriverà domani, starà con noi e farà dei test e poi sarà nostro dai primi di gennaio. Viene a vedere la città, la futura casa, parlerò di lui quando sarà ufficiale”.

Sull’emergenza infortuni e su Higuain, ancora l’allenatore del Milan: “Musacchio e Romagnoli hanno fatto l’ultima risonanza quattro giorni fa, hanno ricominciato a correre e stanno facendo carichi di lavoro. Vediamo settimana prossima, sicuramente è un po’ più avanti Mateo ma siamo sulla buona strada. Già stanno correndo, è un passo importante. Anche quando tutti pensano che Higuain sia arrabbiato, il sorriso e il ‘cazzeggio’ in spogliatoio non è mai mancato, di fare battute. Non segna da un mese, è vero, ma in mezzo c’è la squalifica, la sosta e l’infortunio. Dobbiamo essere bravi noi a capire che è fondamentale e mai un problema perché è un campione e sa giocare a calcio. Lui deve solo concentrarsi ad aiutare la squadra, senza la fissa del gol. Quelli vengono da soli, pensi alla squadra e il gruppo lo aiuterà”.

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *