Paquetà germoglierà, Cutrone fiorisce anche in Gennaio

di Mattia Marinelli –

Paquetà subito. Con coraggio. Quindi? Sampdoria aggressiva, inverno italiano. Nel primo tempo da mezz’ala, il brasiliano ha lottato e non si è mai estraniato dalla partita. Nella ripresa, in posizione più avanzata, ha già iniziato a far vedere qualcosa di più. Lasciando stare Kakà, si colgono i prodromi e si può immaginare la declinazione di un buonissimo giocatore.

Per il resto, il Milan ha superato il  turno di coppa Italia con un Conti balistico e un Cutrone perfetto, con Reina a calar giù la serranda. Bella vittoria in un campo ostico contro un avversario mai domo.  Il Milan riparte proprio da chi come Conti e Cutrone, ha fame e voglia del Milan e del milanismo.

Secondo i tifosi rossonero, la prestazione anonima di Higuain è un po’ il simbolo di chi al contempo fa tanto clamore fuori, non lasciando alcun segno sul campo, e quindi può tranquillamente andare altrove, specie se non emette alcuna reazione alle tanti voci che lo circondano e che da troppo tempo.

C’è anche chi ritiene che la frase di Leonardo, se non andiamo in Champions non ti riscattiamo, abbia definitivamente svuotato l’argentino che ritiene sia venuta meno una promessa estiva. Anche se Paolo Maldini aveva annunciato che il Milan sia con Higuain che con Bakayoko era stato molto chiaro al  riguardo. 

Intanto a Genova è venuta un po’ meno la tesi del “eh ma con Rino, arrivano pochi palloni giocabili alle punte”. Se ci si muove però, da rapace d’area, magari poi si fa una doppietta, e anche decisiva, come come quella di Cutrone.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *