Coppa Italia: Roma-Entella, il Derby di Nicolò Zaniolo

di Davide Capano –

Non giriamoci intorno, è la sua partita. Perché di mezzo c’è l’Entella, la squadra che lo ha lanciato realmente nel calcio dei grandi. Roma-Virtus Entella di stasera, gara che chiude la tre-giorni di ottavi di Coppa Italia, è il Derby di Nicolò Zaniolo, centrocampista giallorosso e astro del calcio italiano. Diretta Tv su Rai Due alle 21 per la partita più importante nella storia della formazione di Chiavari.

Francesca Costa, la bella madre del ragazzo nato a Massa il 2 luglio 1999, ha rilasciato una lunga intervista, nella quale narra parla anche del suo gioiellino, sul penultimo numero di Fuorigioco, inserto domenicale de La Gazzetta dello Sport: “Il momento più difficile è stato quando la Fiorentina ha chiamato mio marito per avvertirlo che Nicolò era stato tagliato dalla Primavera. Io scoppiai a piangere perché sapevo come avrebbe reagito mio figlio. Piangeva. Lo abbiamo visto star male. Poi Igor è stato lungimirante e lo ha portato via da Firenze. Perché la Viola avrebbe voluto girarlo a qualche società satellite. Ed è arrivata l’Entella. Quello è stato un bel periodo”.

Con i Diavoli Neri Nicolò (allora numero dieci) disputò, perdendo proprio all’Olimpico, la finale di Coppa Italia Primavera contro la Roma di Marchizza e Soleri. Quella sera ero allo stadio. Era il 21 aprile 2017 e mi innamorai definitivamente del 10 biancazzurro, confidandolo a un mio collega. In quel momento pensare a una trattativa che lo potesse coinvolgere insieme a Nainggolan e Santon era utopia. Tra l’altro, meno di un anno e mezzo fa, prima dell’ottima annata all’Inter Primavera condita da 13 reti.

I totem del figlio di Igor (ex bomber che ha fatto a sportellate su tanti campi di B e C da Spezia a Cosenza) sono due Palloni d’Oro: Kakà (l’attuale 22 sulla schiena lo testimonia) e Modrić. All’iperattivo Zaniolo, “tuttocampista” profondamente moderno e cum grano salis, grinta, personalità e qualità non mancano. Del resto questi ingredienti non possono scarseggiare nel bagaglio di chi ha ascoltato la musica della Champions League prima ancora di vivere il brivido della Serie A. I compagni di reparto De Rossi e Cristante lo sanno bene. Pure un certo Cristiano Ronaldo, in fondo. Per informazioni chiedere al commissario tecnico della nostra Under-21 Gigi Di Biagio, che certamente si affiderà a Nicolò per gli Europei in programma in Italia e San Marino dal 16 al 30 giugno prossimi.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *