Bernardeschi ok nel derby con Domenico Berardi

di Valentina Alduini –

Nel match domenicale delle ore 18, la Juventus ha espugnato il Mapei Stadium con un voluminoso 0-3. La squadra di Massimiliano Allegri è riuscita a portarsi nuovamente a + 11 sul Napoli (che a Firenze ha pareggiato con il risultato di 0-0), grazie alle reti di Khedira (23’), di Cristiano Ronaldo (70’) che consolida così il suo primo posto nella classifica marcatori di Serie A con 18 reti, e di Emre Can (86’).

Tuttavia, anche se il Sassuolo non è riuscito ad andare in gol, le opportunità non gli sono mancate. Infatti Djuricic, ad inizio partita, ha avuto subito un’occasione ghiotta che ha fatto tremare gli juventini mentre sul risultato di 0-1 ad avere per i piedi una palla gol è stato Domenico Berardi che ha sprecato a porta vuota. E proprio quest’ultimo è stato protagonista di un “derby” all’interno di questo match. Si perché se per i neroverdi era lui l’italiano classe ’94 ad essere schierato tra gli attaccanti, tra le fila della Juventus c’era Bernardeschi. Domenico e Federico, in passato, hanno avuto modo di giocare insieme con la casacca dell’Under 21 italiana e, nel corso del match andato in scena a Reggio Emilia, hanno avuto l’occasione di trovarsi l’uno contro l’altro, partendo entrambe titolari.

Due personalità molto forti, entrambe dediti al loro lavoro e con la voglia di fare sempre il possibile per aiutare la propria squadra a raggiungere l’obiettivo comune ad ogni club: la vittoria. Berardi, calabrese doc, nel corso di questa stagione ha messo a segno 5 reti, 3 in Campionato e 2 in Coppa Italia mentre Bernardeschi, nato a Carrara,è invece attualmente fermo a quota 3 reti, di cui 2 in Serie A e una in Coppa Italia. Nel corso di Sassuolo – Juventus, i due si sono mesi in mostra con alcune buone giocate ma non sono riusciti ad andare in rete.

Al di la dei due ex azzurrini, c’è stato un altro giocatore che ha vissuto questa partita un po’ come un derby. Di chi si tratta? Di Alessandro Matri, attaccante lodigiano classe 1984. Nel corso della sua carriera, il giocatore ha avuto modo di vestire diverse maglie e, tra queste, c’è stata anche quella della Juventus. La prima volta che Matri giunse a Torino fu il 31 gennaio 2011; e circa un anno e mezzo dopo, esattamente il 30 agosto 2013, l’attaccante tornò ad indossare la maglia del Milan (già vestita in passato). Ma, quello con la Juventus sarebbe stato solo un arrivederci perché a febbraio del 2015 Alessandro tornò all’ombra della Mole, dove restò per sei mesi in prestito prima di passare (sempre in prestito dal Milan) alla Lazio. In occasione di Sassuolo-Juventus, Matri è partito dalla panchina, subentrando nel secondo tempo a Djuricic.

Dunque, anche se non si trattava di una stracittadina, all’interno di questi match sono stati comunque vissuti dei “derby” curiosi che, certamente, non saranno passati inosservati agli occhi dei tifosi più attenti.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *