Derby del Ticino: Pro Patria salva, panchina Novara in bilico

di DDD –

La Pro Patria ha festeggiato il mese del centenario vincendo il derby del Ticino con il Novara e raggiungendo la matematica salvezza in Serie C: decisiva la punizione magistrale di Le Noci al 5’.

Il derby del Ticino mai come quest’anno sorride alla Pro Patria. Due vittorie di misura, 6 punti tra andata e ritorno per gli uomini di Javorcic: se al Silvio Piola la zampata decisiva era stata di Mastroianni sul finire della contesa, questa volta la storia viene scritta da una magia di Le Noci su punizione dopo pochi minuti.

Dal punto di vista del Novara è stata una brutta sconfitta. Il Novara è in palese crisi di risultati, al decimo posto in classifica. Una posizione tutt’altro che soddisfacente per una squadra partita con l’intento di provare a centrare il ritorno in serie B e che si ritrova, pur in un campionato non certo esaltante, a lottare per centrare almeno gli ultimi posti valevoli per i play off. La società ha deciso, almeno per ora di dare ancora fiducia all’allenatore, mister Viali dunque per ora non si tocca e sarà ancora sulla panchina domenica al “Piola” contro la Pistoiese.

Nel dopo partita, proprio le parole dell’allenatore del Novara Viali: “Il risultato condiziona tutto, vai sotto dopo 5’, è stato bravo Le Noci, la gara è andata sui binari ideali per loro, poi noi abbiamo avuto la doppia occasione di Cacia, l’occasione più ghiotta, la dinamica poteva cambiare nella ripresa ,loro si sono abbassati, sono una squadra fisica, si fatica ad entrare nella loro difesa, nonostante ciò abbiamo avuto due profondità con Cacia che si è allungato palla e una con Gonzales, che ha sbagliato assist. Dispiace per il risultato, era una partita importante, ora dobbiamo velocemente pensare alla partita con la Pistoiese”.

Soddisfatto Mister Javorcic, sul fronte Pro Patria: “Difficile trovare le parole per ciò che stanno facendo questi ragazzi, vincere il derby nel centenario, dare questa soddisfazione ai tifosi, rende orgogliosi, se lo meritano visto la sofferenza degli ultimi anni, la gara in sè ha sfiorato la perfezione, siamo partiti molto forti, siamo andati in vantaggio, abbiamo preso il palo con Mora, nei primi 20’ abbiamo dominato, poi è uscito il Novara, che ha un concentrato di qualità, ti attaccano con tanti uomini. Abbiamo sofferto nei minuti clou del primo tempo e nel secondo tempo nonostante il Novara buttava uomini davanti, ho avuto una sensazione di controllo, 0 gol presi contro Vercelli e Novara, è cosa impressionante”.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *