Rissa ultrà a Roma: prologo dell’Europa League

di Valentina Alduini –

Questa sera hanno inizio i sedicesimi di finale di Europa League e l’Italia sarà rappresentata da tre squadre: la Lazio, il Napoli e l’Inter.

I biancocelesti si sono allenati a Formello per affrontare in casa il Siviglia, squadra spagnola la cui maglia è stata indossata anche da Ciro Immobile. Inoltre, tra le fila degli spagnoli è cresciuto anche Luis Alberto, che vivrà pertanto una sorta di derby.  Gara che nasce già scossa da un grave episodio di violenza, una maxi rissa nel centro di Roma con protagonisti un gruppo di tifosi. Il tutto è accaduto nel rione Monti, nel cuore della Capitale, dove diverse persone hanno dato vita a duri scontri. Ad avere la peggio sono state quattro persone, già soccorse e trasportate in ospedale. Si tratta di tre spagnoli, presumibilmente tifosi del Siviglia, e di un americano. Uno dei tre spagnoli è apparso in condizioni più gravi: l’uomo è stato trasportato in ospedale in codice rosso.

I partenopei allenati da Carlo Ancelotti, invece, si troveranno a disputare un match fuori casa contro lo Zurigo. Gli azzurri, che non sono riusciti a superare la fase a gironi in Champions League, avranno l’opportunità di riscattarsi in ambito internazionale.

E poi, come anticipato, c’è anche l’Inter. L’avversario dei nerazzurri, che giocheranno in trasferta, è il Rapid Vienna.

Certamente, gli occhi saranno puntanti sul modo di comportarsi in campo delle tre italiane ma, in casa del club milanese, in queste ore sta tenendo banco una questione assai spinosa. Infatti, Mauro Icardi, ormai ex capitano dell’Inter, non si è aggregato alla squadra per la trasferta europea.

Come noto, nella giornata di ieri, la società milanese ha annunciato tramite un tweet lapidario che il nuovo capitano è il portiere Samir Handanovic. Se già questa notizia aveva fatto sussultare l’ambiente, ad alzare ancor di più il polverone è stata l’assenza del nome di Icardi nella lista dei convocati per il match contro il Rapid Vienna.

Inizialmente, si poteva pensare che l’argentino fosse stato escluso dalla trasferta su scelta del club o comunque di Luciano Spalletti. E invece, in sede di conferenza stampa, è stato proprio l’allenatore a chiarire l’arcano: Mauro, a detta sua, era stato convocato ma, a quanto pare, avrebbe scelto di non aggregarsi ai compagni.

Dunque, oltre al capitolo rinnovo, che sta rimanendo aperto da diversi mesi, si aggiungono adesso altri tasselli poco felici sul percorso nerazzurro del marito di Wanda Nara. Già, proprio lei. La moglie procuratrice dell’attaccante che, in alcune occasioni, ha rilasciato dichiarazioni scomode sulla situazione di Icardi.

L’Inter, dato il susseguirsi di codesti avvenimenti, sul piano mediatico non ha passato una vigilia molto tranquilla in vista dell’impegno di Europa League. Va da se che nemmeno l’attaccante starà passando delle ore piacevoli. Con la fascia da capitano al braccio, Icardi ha sempre cercato di dare il massimo anche se, alcune volte, il suo rendimento in campo non è stato dei migliori (cosa che sta accadendo anche di recente). Tuttavia, quando ne ha avuto modo, si è reso decisivo nell’aiutare i suoi ad ottenere risultati importanti anche negli ultimi minuti di partite di spicco, basti pensare al derby di andata di Serie A dove grazie al suo gol (messo a segno al 92′), l’Inter è riuscita a lasciare l’amaro in bocca ai cugini del Milan.

Perciò, stando così la questione, il periodo a venire sarà assolutamente interessante da seguire, soprattutto in ottica mercato in quanto se già le trattative per un ipotetico rinnovo contrattuale tra Icardi e l’Inter sembravano non semplicissime, adesso il giocatore e la società potrebbero perfino scegliere di separarsi.

Ma, indipendentemete dal “caso” Icardi, la speranza è che questa sera l’Inter, la Lazio e il Napoli portino in alto la nostra bandiera, onorando il calcio italiano e facendo vedere un grande spettacolo a livello europeo, seguendo le orme della Roma che, in Champions League, ha messo al tappeto il Porto grazie alla doppietta di un’eccellenza nostrana, vale a dire Nicolò Zaniolo, altro calciatore che in estate rischieremo di sentir nominare spesso nelle cronache di calciomercato.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *