Lucchese sull’orlo del baratro, ma il derby cancella tutto

di Redazione DDD –

E’ soprattutto la rabbia sportiva il sentimento prevalente dell’ambiente della Lucchese alla vigilia del derby numero 94 in campionato con il Pisa. La Lucchese di Favarin in questa disgraziata stagione ha lottato e sta lottando contro mille avversità. I 500 biglietti messi a disposizione della tifoserie rossonera sono andati a ruba in poche ore.Le vicende societarie sono assurde e drammatiche, ma la Lucchese vuole riscattare il derby di andata, giocato lo scorso 11 novembre e vinto 1-0 dal Pisa con rete di di tacco di Marconi. Favarin e Langella hanno mischiato le carte, tanto che non è semplicissimo prevedere l’undici lucchese che scenderà in campo sul prato dell’Arena Garibaldi-Anconetani.

Sul fronte pisano del derby, l’ambiente in casa nerazzurra è elettrico. Dopo la seconda rimonta in nove giorni concretizzata contro la Pro Vercelli (la terza nelle ultime cinque partite), c’è la sensazione che il campionato sia arrivato ad un punto di svolta. Domani all’Arena Garibaldi andrà in scena la terza partita consecutiva in sette giorni. Probabilmente la più insidiosa e carica di tensione: di fronte ci sarà la Lucchese, mai come adesso sull’orlo del baratro del fallimento.

“La partita di domani dovrà essere affrontata con la stessa concentrazione dei match contro Entella e Pro Vercelli”, ammonisce mister D’Angelo, tecnico del Pisa. “La Lucchese ha un discreto valore in rosa ed è un avversario temibile”, ha proseguito l’allenatore dei nerazzurri. “Dobbiamo cercare di vincere il derby, anche perché questa è la nostra filosofia e non possiamo discostarcene”. La squadra a livello fisico ha speso molte energie nei due march ravvicinati con Entella e Pro Vercelli, “ma le alternative non mancano. I cambi diventeranno sempre più fondamentali nel finale di stagione”. “Siamo consapevoli che la partita con la Lucchese nasconde molte insidie,a partire dal fatto che la società rossonera è in gravi difficoltà economiche e non gioca da due settimane”.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *