Fulvio Collovati sfata il mito: il derby non lo vince lo sfavorito

di Domenico La Marca –

Fulvio Collovati è stato uno dei migliori interpreti del ruolo di difensore, un marcatore invalicabile dotato di una tecnica invidiabile che si è riuscito ad imporsi nell’era più bella della storia del calcio, andando a vincere da assoluto protagonista il mondiale del 1982, ed indossando con carisma e carattere le maglie di Milan ed Inter tra le tante. In esclusiva a Debyderbyderby è intervenuto proprio lui, Fulvio Collovati, il quale ai nostri microfoni si è soffermato sul prossimo derby di Milano

Il derby – “Guardando la classifica e le condizioni generali, sicuramente arriva meglio il Milan, l’Inter ha innanzitutto un caso Icardi in casa. Ci sono alcuni infortunati e squalificati per cui sono i nerazzurri in emergenza. Il derby è una partita che esula da ogni pronostico, ma penso che il Milan stia meglio nonostante la stanchezza di alcuni elementi nelle ultime partite,  poi non è detto che lo vinca. Sfatiamo il detto che gli sfavoriti vincano i derby, ma è sempre meglio avere i pronostici del favore.” Piatek e Lautaro – “Sono due giocatori differenti, uno più di movimento l’altro più da area di rigore, però sono due calciatori che hanno il senso del gol, Lautaro ha sempre dimostrato di avere attitudine al gol, per Piatek parlano i numeri eccezionali, entrambi sono temibili allo stesso modo.”

Spalletti e Gattuso – “Spalletti ha l’esperienza di tanti anni vissuti sulle panchine di A, Gattuso è alla prima importante esperienza con le big, c’è da dire che la capacità del tecnico rossonero di saper far convivere più anime e gestire le emergenze è stata provvidenziale, ora sono terzi in classifica, bisogna riconoscergli grandi meriti per aver creato un clima da spogliatoio che ora non c’è nell’Inter.” Delusioni – “Da giocatore, sicuramente Higuain mi ha deluso di più, veniva dalla Juve si aspettava che facesse la differenza e non l’ha fatta, la vicenda Icardi coinvolge tanti aspetti, non c’entra il giocatore, se devo parlare solo di campo è certamente Higuain.”

Protagonisti – “Mi aspetto un exploit dei giocatori meno attesi, in tal senso Suso non sta vivendo un buon momento di forma, ma Gattuso lo sta gestendo nel migliore dei modi, come ha già fatto in passato con Calhanoglu. Nell’Inter prendo in considerazione Perisic ed in alternativa Candreva.” I suoi derby – “Era un calcio diverso, ho fatto 12 anni di derby, si alternano cose positive, vittorie e sconfitte, ricordo un derby in cui marcavo Altobelli che fu poi espulso, poi divenne mio compagno all’Inter e mi ha sempre rinfacciato il fatto di averlo fatto espellere.”

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *