Milan-Inter, Spalletti esulta sotto a una pioggia di gol nel derby! Pagelle e tabellino

Derby Milan-Inter, Spalletti esulta! Pagelle e tabellino

Le pagelle e il tabellino del derby di Milano tra Milan e Inter

Milano sarà nerazzurra questa notte. Il derby della Madonnina se lo aggiudica l’Inter di Spalletti, vittorioso sui rossoneri di Gattuso. I nerazzurri hanno cominciato meglio la gara, portandosi avanti grazie alle reti di Vecino e de Vrij. La reazione del Milan è avvenuta con Bakayoko, bravissimo nel trafiggere Handanovic con un colpo di testa. Dopo la rete del francese è stato Lautaro a portare a due gol di vantaggio i suoi, trasformando un calcio di rigore. L’ultimo gol della serata è stato messo a segno da Musacchio. Di seguito i voti e il tabellino della gara.

MILAN

Donnarumma 6,5 – Non irresistibile in occasione del gol nerazzurro. Nella ripresa alza il suo rendimento con un miracolo su un tiro deviato. Completamente senza colpe sugli altri gol subiti.

Calabria 5,5 – Marca male Lautaro in occasione del gol di Vecino, permettendo all’attaccante di confezionare l’assist al centrocampista. Non gioca una gran partita.

Musacchio 7 –  Parte male, come tutta la difesa. Nella ripresa è protagonista di una chiusura fondamentale su Lautaro. Alza ancora di più il valore della sua prestazione con un importante gol di rapina.

Romagnoli 5,5 – Poco preciso nelle chiusure quest’oggi. Non riesce a tamponare gli inserimenti degli avversari.

Rodriguez 5,5 – Non disputa una grande gara. Prova a spingere ma spesso compie qualche errore di troppo. Esce senza aver lasciato un grande impatto. Dal 58′ Cutrone 6,5 – Mette il solito impegno e tanta grinta. Oggi però non basta. Sfortunato nel trovare l’opposizione di D’Ambrosio.

Kessié 5,5 – Non è il solito baluardo di centrocampo questa sera. Nel primo tempo non riesce mai a fare filtro, ritrovandosi spesso in balìa degli avversari. Un po’ meglio nella ripresa. Dal 69′ Conti 5,5 – Entra bene in partita ma la troppa foga lo tradisce, facendogli seriamente rischiare un cartellino rosso.

Bakayoko 6,5 – Riaccende la gara all’improvviso con un gran gol di testa, che non lascia scampo ad Handanovic.

Paquetà 5 – Prova a combinare qualcosa ma non riesce né a entrare in partita né tantomeno a incidere. Dal 46′ Castillejo 6,5 – Si rende protagonista con una discesa devastante che non trova però l’epilogo sperato. Sfiora il 3-3 ma trova un grande Handanovic.

Suso 6,5 – Parte male, faticando a entrare in partita e disputando un primo tempo anonimo. Cambiato assetto, migliora sostanzialmente, cominciando a inventare giocate interessanti per i compagni.

Piatek 5,5 – Sarebbe dovuta essere la sua serata ma il pistolero, quest’oggi, spara solamente a salve. Non riesce a entrare in partita.

Calhanoglu  6,5 – È uno dei più attivi lì davanti, anche nel primo tempo. È in crescita e soprattutto in fiducia. Prezioso il suo assist su punizione per Bakayoko.

All.: Gattuso 6 – Mette in campo nel primo tempo una squadra poco convinta e vittima delle ripartenze avversarie. Passato al 4-4-1-1 trova la cuadratura del cerchio e con essa un miglioramento nella prestazione.

INTER

Handanovic  7 – Compie un intervento prodigioso su Castillejo, salvando letteralmente il risultato. Incolpevole sui gol subiti.

D’Ambrosio 7 – Disputa una buona gara, alternando ottime giocate a qualche errore di distrazione. Il salvataggio nel finale ha il peso di un gol.

Skriniar  6,5 – Si conferma essere uno dei difensori più importante della Serie A. Questa sera è quasi insuperabile.

De Vrij 7 – Decisamente più concentrato rispetto alla sfida contro l’Eintracht in Europa League, l’olandese marca sempre da vicino Piatek, riuscendo a chiuderlo in diverse occasioni. Nella ripresa impreziosisce ancora di più la già ottima prestazione con un gol pesantissimo.

Asamoah 6 – È forse il più timido della compagine nerazzurra. Nel primo tempo Spalletti lo invita a salire di più.

Vecino 7 – È l’uomo in più dell’Inter quest’oggi. Nel corso della gara si traveste da trequartista atipico, creando non pochi grattacapi agli avversari. Segna il gol del vantaggio nerazzurro ma si divora quello del raddoppio. Dal 90′ Ranocchia SV

Brozovic 6,5 – È uno degli intoccabili di Spalletti. Fondamentale nella creazione di gioco e nella gestione dei ritmi di gara. Dal 73′ Borja Valero 5,5 – Non riesce a far valere le sue doti di palleggiatore.

Gagliardini 6 – Combatte come un leone, facendo valere la sua fisicità. Prezioso in entrambe le fasi.

Politano 6,5 – Sull’out di destra crea molti problemi agli avversari. Bravo e lesto a guadagnare il calcio di rigore. Dall’84 Candreva SV

Lautaro  7 – È un punto di riferimento lì davanti. Si mette in evidenza subito con un bell’assist per Vecino. Nella ripresa segna un rigore pesantissimo.

Perisic  6,5 – Sembra aver messo ormai da parte i mal di pancia al sapore di Premier League. Mette costantemente in apprensione la retroguardia rossonera.

All.: Spalletti 6,5 – Bravo nello schierare una squadra compatta e rapida, ripartire una volta riconquistato il pallone. I suoi gestiscono la partita con maturità e autorevolezza. Può essere contento anche della bravura della squadra nel saper soffrire.

MILAN-INTER 2-3

Marcatori: 3′ Vecino, 51′ de Vrij, 57′ Bakayoko, 67′  rig. Martinez, 70′ Musacchio.

Ammoniti: Rodriguez, Romagnoli, Suso, Conti (M), Vecino, Brozovic, Gagliardini (I).

Espulsi: –

MILAN (4-3-3): Donnarumma; Calabria, Musacchio, Romagnoli, Rodriguez (58′ Cutrone); Kessié (69′ Conti), Bakayoko, Paquetà (46′ Castillejo); Suso, Piatek, Calhanoglu.
A disposizione: A. Donnarumma, Reina, Abate, Zapata, Caldara, Laxalt, Mauri, Biglia, Borini.
Allenatore: Gattuso.

INTER (4-3-3): Handanovic; D’Ambrosio, Skriniar, de Vrij, Asamoah; Gagliardini, Brozovic (73′ B. Valero), Vecino (90′ Ranocchia); Politano (84′ Candreva), L. Martinez, Perisic.
A disposizione: Padelli, Berni, Dalbert, Cedric, Keita.
Allenatore: Spalletti.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *