Esclusiva DDD – Paolo Bianco e Sassuolo-Bologna, da Di Francesco a De Zerbi

di Domenico La Marca –

In campo era un autentico combattente, l’ultimo a mollare, un calciatore dalla tenacia e dalla grinta uniche, un esempio di professionista e un modello per i giovani, adesso è uno degli allenatori che maggiormente si sta facendo apprezzare in Serie C, non solo per i risultati sportivi ottenuti, ma anche per la voglia di inculcare il suo credo e non solo calcistico ai propri ragazzi, formando prima l’uomo e poi il giocatore. Stiamo parlando di Paolo Bianco il quale in esclusiva a derbyderbyderby si è soffermato sul prossimo derby che vedrà di fronte il Sassuolo al Bologna, su alcuni talenti della rosa di De Zerbi e su tanto altro.

Ricordi del derby – “La prima vittoria in Serie A con il Sassuolo l’abbiamo ottenuta proprio contro il Bologna, giocammo sotto un grande diluvio, io ero il capitano della compagine guidata di Di Francesco. Ancora oggi gira la foto di quella giornata indimenticabile.” Sassuolo – “Propone un calcio diverso, un gioco propositivo e bello da vedere. E’ normale l’alternanza di risultati, visto che si tratta sempre di una compagine molto giovane. Sicuramente vedremo uno sviluppo del calcio di De Zerbi la prossima stagione.” Berardi – “Berardi è un ragazzo del ’94, che gioca ad altissimi livelli già da 6/7 anni, non bisogna dimenticare che a soli 17 anni era un fattore determinante di quel Sassuolo che raggiunse la B, e di come abbia raggiunto in poche stagione di A quota 50 reti. Ha vissuto un periodo di calo con l’addio di Di Francesco e a causa di alcuni infortuni, ma potenzialmente parliamo di un fuoriclasse assoluto, che deve riuscire ad adattarsi anche a contesti nuovi, credo che è giunto il momento che si metta in discussione in un top club.”

Magnani – “Ha dovuto fare un grande salto in avanti, visto che in pochi mesi è passato dal campionato di C alla massima serie, meritandosi la chiamata del Sassuolo e l’interesse della Juventus. E’ un difensore che lavora sodo, che ha grandi mezzi fisici e tecnici che però ha risentito in qualche modo di questa sua evoluzione. Lo reputo un figlio e sono pienamente convito del suo valore come dimostrano anche gli apprezzamenti provenienti dall’estero.” Bologna – “Mihajlovic ha dato una scossa al Bologna, basti pensare le prestazioni con Inter e Roma e soprattutto la recente vitoria di assoluto spessore con il Torino. Questo tecnico è un gran motivatore e sta offrendo un ottimo calcio, mi aspetto una partita gagliarda con il Sassuolo, visto che il Bologna necessita di punti a differenza del Sassuolo che può vivere più serenamente l’incontro.” Di Francesco – “Di Francesco è un tecnico di caratura internazionale, che ha allenato sempre le squadre che gli venivano allestite senza nessuna pretesa, dando la possibilità a tanti giovani di emergere come Zaniolo e Pellegrini. E’ arrivato in semifinale di Champions League che mancava dal ’84, ha dovuto fare a meno ogni stagione di campioni assoluti ma anche in questo campionato era in piena corsa per il quarto posto ed è stato eliminato in maniera alquanto dubbia negli ottavi di Coppa Campioni. Sono dispiaciuto tantissimo per lui.”

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *