Llorente e Shaqiri: scarti in Italia, leoni in Champions League

di Marco Varini –

LLorente-Shaqiri: dai problemi di Juve-Inter alla gloria Europea. La finale di Champions fra Liverpool e Tottenham del prossimo 1 giugno metterà di fronte due ex del nostro campionato: Fernando Llorente e Xherdan Shaqiri. Inter e Juve nel passato dei due giocatori, ma soprattutto una nuova vita in Inghilterra. Le cose in Italia non sono andate bene per i due giocatori, ma in Premier tutto è cambiato.  LLorente non sta facendo rimpiangere l’infortunato Kane, mentre Shaqiri è perno imprescindibile del centrocampo Reds. Lo svizzero era troppo grasso per l’Inter e se ne andò mestamente e polemicamente dopo essere stato accolto in aeroporto da grandi folle nerazzurre. Lo spagnolo ha fatto il suo in maglia bianconera ma senza venire mai rimpianto dai tifosi juventini.

Ma cosa è cambiato dal nostro paese? La fiducia in primis. In Italia infatti i due erano considerati giocatori di dubbio affidamento, Shaqiri soprattutto, nonostante il grande richiamo al suo approdo all’Inter. A Milano però, complice la difficile situazione nerazzurra, il centrocampista ex-Bayern non è riuscito a imporsi, passando successivamente allo Stoke City. Qui la consacrazione, con diversi gol siglati e prestazioni di alto livello, cosa che gli ha permesso l’approdo in quel di Liverpool.  Per Shaqiri 6 reti in 24 partite, non male per un centrocampista. E in una sola stagione lo svizzero si trova a disputare una finale di Champions, senza dimenticare la Premier, dove il Liverpool ha ancora la possibilità di conquistare il titolo, dato il -1 dalla capolista City a 90′ dalla fine.

Diverso, per certi versi, il bilancio di Fernando Llorente. L’ex-Juve aveva già fatto vedere discrete cose ai tempi della Juventus, realizzando la bellezza di 27 reti in 92 partite: 1 gol ogni 3 match.  Ma i bianconeri avevano altri progetti, da qui la cessione in Spagna, destinazione Siviglia. Dopo una sosta allo Swansea ecco l’approdo al Tottenham, dove lo spagnolo trova la sua prima rete proprio in un match di Champions League, contro l’Apoel. Sempre in Champions arriva la rete più importante, il definitivo 3-4 nel ritorno dei quarti contro il City. Una rete che ha permesso agli Spurs di farsi strada nella massima competizione europea, cammino suggellato con il gol di Moura contro l’Ajax, che in pieno recupero ha portato il Tottenham alla finale di Madrid. Il derby a distanza dei due ex “italiani” continua in Champions League, l’appuntamento è al Wanda Metropolitano.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *