Sarri ha fatto meglio, ma Ancelotti prepara la sua rivincita

di Valentina Alduini –

Maurizio Sarri e Carlo Ancelotti, due facce della stessa moneta: il Napoli. Il primo, rappresenta il passato mentre il secondo è il presente. In estate, quando il tecnico emiliano è arrivato sulla panchina che fino a poco tempo prima era stata occupata dal collega toscano, le aspettative erano diverse da quanto si è poi verificato. Infatti, l’auspicio era che l’armata guidata da Ancelotti riuscisse a migliorarsi maggiormente dopo gli splendidi risultati ottenuti sotto la guida di Sarri ma ciò non è avvenuto e anzi si è palesato una sorta di passo indietro.

Dopo l’addio di Sarri al Napoli, l’arrivo di Ancelotti aveva dato all’ambiente un’ulteriore sferzata di freschezza e di novità, andando a caricare una piazza già molto carica di suo. Tuttavia, nel corso della stagione, le cose non sono andate come molti avrebbero creduto sia in Italia che in Europa.

Guardando, ad esempio, il percorso dei partenopei in campionato è evidente il distacco abissale che li separa dalla Juventus, laureatasi Campione d’Italia con largo anticipo rispetto alla scorsa annata. Per l’appunto, nella stagione 2017-2018, la classifica finale parlava del Napoli di Sarri a quota 91 punti e dei bianconeri di Allegri a 95. Nell’annata in corso, invece, sotto la guida di Ancelotti il Napoli si trova a 73 punti contro gli 89 della Juventus, il tutto a tre giornate dal termine.

Chiaramente, il tecnico di Reggiolo ha dovuto amalgamare passo dopo passo la squadra e la sua etica di gioco che, come è ben noto, nel corso della sua carriera da allenatore lo ha portato a vincere moltissimi trofei, facendolo diventare giustamente uno degli allenatori più desiderati dai top club internazionali. E, infatti, le sue qualità sembrerebbero essere indiscutibili.

Se in Italia il Napoli non sembrerebbe aver raggiunto i livelli attesi, conquistando comunque meritatamente il secondo posto che lo porterà a partecipare alla prossima edizione della Champions League, in Europa le cose non sono andate meglio.

Eliminato dalla Champions per non essere riuscito a superare la fase a gironi, il club di Ancelotti si è ritrovato in Europa League dove, tuttavia, è stato eliminato ai quarti di finale dall’Arsenal. In quest’ultimo percorso, resta la curiosità di provare ad immaginare cosa sarebbe accaduto se i partenopei non si fossero dovuti scontrare contro la squadra di Emery. Sarebbero potuti approdare in finale?

Lasciando il Napoli, andiamo ad analizzare la stagione di Sarri e il suo Chelsea. In Premier League, giunta all’ultimo turno, i Blues albergano attualmente al terzo posto con 71 punti cosa che gli consentirà di prender parte alla prossima annata di Champions League. E, a proposito di coppe europee, dopo una semifinale di ritorno vissuta sul filo del rasoio sino all’ultimo calcio di rigore, gli inglesi sono riusciti a conquistare uno dei due posti disponibili per approdare a Baku.

Tuttavia, nonostante i risultati raggiunti sino ad ora e con una finale di coppa ancora in ballo va detto che, a differenza di Ancelotti, Maurizio Sarri sembrerebbe essere stato in discussione in alcune occasioni nel corso di questa stagione. Ma, nonostante ciò, il tecnico è andato avanti per la sua strada e, insieme ai suoi giocatori, proverà ora a togliersi una grande soddisfazione nel derby inglese contro l’Arsenal valido per la vittoria di quest’edizione dell’Europa League.

L’appuntamento tra Chelsea e Arsenal è fissato per il 29 maggio. In quel momento inizierà il count-down verso la gloria. Sulla carta, si preannuncia un derby davvero spettacolare, tanto quello che si disputerà in Champions League tra Liverpool e Tottenham.

Tuttavia, se fino al giorno della finale non potremo ovviamente sapere se Sarri e i suoi vinceranno o meno il derby di finale di Europa League, possiamo però evidenziare un altro dato: per quest’anno, in Europa, il tecnico toscano ha avuto la meglio nel derby a distanza con il suo successore al Napoli, Carlo Ancelotti. A questo punto, sorge un quesito: nella prossima stagione, se le loro strade dovessero incrociarsi in Champions League, come finirà tra i due?

 

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *