Corsi e ricorsi Roma, regina dei progetti: Pallotta, prendi Mou!

di Simone Ducci –

Al termine di questa poco esaltante stagione, i piani alti della Roma dovranno necessariamente riunirsi attorno a un tavolo e fare il punto della situazione. La vittoria dell’Atalanta contro il Genoa ha ridotto al lumicino le speranze di Champions League della compagine capitolina. Il futuro sembra maggiormente destinato a vedere la squadra in campo il giovedì sera nella più modesta Europa League. Europa a parte, ciò a cui si stanno preparando i tifosi giallorossi è quello che ha caratterizzato le ultime annate: l’ennesima rivoluzione estiva.

Segui Derbyderbyderby.it su Instagram —> CLICCA QUI!

Roma, al via l’ennesima rivoluzione estiva: Mourinho l’unico in grado di scaldare la piazza

La Roma si prepara a chiudere una stagione deludente sotto molti punti di vista. La squadra è crollata durante la gestione Di Francesco-Monchi, non riuscendo a guadagnare posizioni neanche attraverso la cura Ranieri, tecnico forse chiamato in causa troppo tardi per risollevare le sorti di una squadra in caduta libera.

Sfumato Conte e quasi archiviato Sarri, Pallotta sembra ormai destinato a ritrovarsi a consegnare ai propri tifosi l’ennesimo nome poco altisonante per la panchina. Accarezzati gli ex Chelsea e Napoli, i vari Gasperini, Giampaolo, Blanc e Benitez non sono destinati a scaldare la piazza.

A gettare ancora più benzina sul fuori ci sarà poi il mercato estivo. A fine stagione infatti i movimenti più importanti potrebbero essere compiuti esclusivamente in uscita. Dzeko e Manolas infatti potrebbero considerare terminati i rispettivi cammini nella Capitale. Per evitare l’anno prossimo, il possibile deserto sugli spalti, Pallotta dovrà necessariamente portare un nome pesante all’ombra del Colosseo. Mourinho, per esempio, è una delle ultime opportunità rimaste. Lo Special One infatti è al momento l’unico che potrebbe di colpo tornare a far esplodere l’Olimpico e cambiare diametralmente il senso della prossima stagione.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *