Derby dei conti: Napoli vs Juve? De Laurentiis punge: “L’allenatore è Ronaldo”

di Angelica Cardoni –

Aurelio De Laurentiis l’ha fatto di nuovo. A pochi giorni di distanza dal big match contro i nerazzurri (per i quali la gara del San Paolo potrebbe valere un posto in Champions League), il presidente del Napoli torna a punzecchiare la Juventus, al forum “Il calcio che vogliamo” organizzato dal Corriere dello Sport. La squadra rivale per eccellenza, in questo campionato di Serie A. Quella che ha sottratto al Napoli di Carlo Ancelotti il primo posto in classifica. Anche se “sottratto” è un parolone, visto che a due giornate dalla fine sono 13 i punti che dividono i due club. In ogni caso, la stoccata per la Vecchia Signora non è leggerissima. Del resto, De Laurentiis non è uno che le manda a dire. Anzi…

Allegri o CR7? – Il presidente del Napoli ha messo lo zampino tra l’allenatore bianconero e il suo giocatore più rappresentativo. Cristiano Ronaldo. Un nome non semplice da gestire, specialmente sotto il profilo mediatico. “Cristiano Ronaldo è forte perché ha sostituito in questo campionato l’allenatore con la sua presenza. Il motivatore vero è Ronaldo, è lui l’uomo spogliatoio. L’allenatore più di quello che ha fatto in questi anni cosa doveva fare? Quando ho visto CR7 giocare con la sua nazionale era in panchina e gridava più dell’allenatore per farli vincere”. E con quest’ultima frase, De Laurentiis si è salvato in corner. Infatti, ha specificato che da un punto di vista motivazionale, l’asso portoghese sarebbe un valore aggiunto per qualsiasi squadra. A prescindere dall’Allegri di turno.

Derby tra club – Pillola più dolce nei confronti di Allegri, ma non verso la società bianconera. Quanto a finanze, infatti, il derby tra le due società è più vivo che mai. “La Juve ha avuto 75 milioni gratis per lo stadio. Vogliamo poi dire che la famiglia Agnelli ha un potere su Torino che gli ha permesso di avere dei favori?”, ha dichiarato De Laurentiis. L’ennesima frecciata che alimenta un “derby” societario a distanza. Parole pesanti per gli Agnelli che in queste ore, però, hanno altro a cui pensare: oggi, infatti, a Torino si decide il futuro. In primis, proprio quello di Massimiliano Allegri.

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *