Insulti razziali e spintoni: è andata così nel derby di Tel Aviv

di Redazione DDD –

C’era il derby di basket domenica a Tel Aviv, fra gli eterni rivali dell’Hapoel e del Maccabi. I gialli del Maccabi hanno vinto 86-75 in overtime in trasferta, confermandosi in vetta alla classifica, ma la gara è stata lacerata da forti polemiche e da momenti di grande tensione. DeAndre Kane è stato oggetto di insulti razziali a cui ha risposto anche fisicamente, mentre un sostenitore di casa ha insultato e spintonato un fisioterapista del Maccabi Tel Aviv.

La polemica si è trascinata anche ben oltre il fischio finale. Le parole del coach del Maccabi, Ioannis Sfairopoulos, sono state eloquenti: “In Grecia la gara sarebbe stata sospesa, e i padroni di casa penalizzati con uno 0-20″. Dall’altra parte invece la versione, diversa, da parte di Nikola Vujcic: «Le forze dell’ordine hanno incoraggiato questi atteggiamenti. Se guardate le immagini pare quasi che chiedano scusa all’assalitore”.

Il derby di Tel Aviv non è nuovo a simili vicende. Nel 2014 Sofoklis Schortanitis, ai tempi centri del Maccabi Tel Aviv, scavalcò i tabelloni di bordo campo per inseguire un tifoso avversario.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *