Poker servito: al Catania il derby del sud contro la Reggina

di Emanuele Landi –

La Reggina regala il derby del Sud al Catania. Gli etnei avanzano nei playoff di Lega Pro mentre i calabresi chiudono così il loro campionato. Un 4-1 che sa di rivincita per Sottil, ritornato in panchina dopo l’esonero di Novellino a fine regular season e sa di beffa per Cevoli e i suoi ragazzi desiderosi di far tutt’altra gara. Vero che nei 29 precedenti in terra siciliana solo in 4 occasioni gli amaranto hanno avuto la meglio ma il rendimento recente delle due squadre poteva lasciar spazio ad una sorpresa.

Così non è per la Reggina che dopo aver eliminato il Monopoli al primo turno dei playoff deve arrendersi sotto i colpi di Marotta, Di Piazza e del grande ex Sarno. Protestano, però, i tifosi amaranto all’indirizzo del direttore di gara Ayroldi per un mancato rigore e conseguente doppio giallo per Sarno sul 3-1 che poteva cambiare le sorti del derby.

Un primo tempo equilibrato regala subito una doppia emozione. Vincenzo Sarno al 17’ la sblocca con un perfetto sinistro che non lascia scampo a COnfente. Immediata, però, la reazione degli ospiti che hanno un solo risultato a disposizione nei 90 minuti per avanzare al terzo turno, ossia la vittoria in virtù della migliore posizione in classifica dei siciliani. Ci pensa Salandra con un inzuccata perfetta su pennellata di Doumbia a riportare il pari al Massimino. Il Catania, però, gioca meglio forse rinvigorito dal ritorno di Sottil in panchina e rimette subito la testa avanti. Al 37’ infatti il gol del sorpasso o meglio l’autorete propiziata dalla spizzata di Di Piazza ed insaccata maldestramente da Gasparetto.

Si torna negli spogliatoi in un clima abbastanza surriscaldato anche tra i due tecnici come dimostreranno le parole di Cevoli nel dopo gara in cui ha denunciato un clima intimidatorio già dai primi minuti. La Reggina resta in partita fino al 58’ quando De Falco con uno sciagurato passaggio regala palla agli etnei. Marotta è poi bravo a servire Di Piazza abile nel freddare Confente. Partita finita sulla carta ma che potrebbe riaprirsi se Ayroldi avesse concesso penalty e doppio giallo per evidente tocco di mano di Sarno. Niente svolta del match che addirittura finisce in gloria per i rossazzurri. Marotta, match winner nell’1-0 di campionato al Massimino, si iscrive anche lui a referto con la rete del 4-1.

Finisce male l’avventura della Reggina in questo campionato. Il passaggio del Catania è il risultato giusto per quanto visto nel derby del Sud ma severo se si pensa a come erano arrivate le due squadre alla partita. Scetticismo tra i tifosi siciliani e con poche speranze di passare il turno dopo un finir di campionato anonimo. Molto coraggio e voglia di far l’impresa per i calabresi con l’hashtag #dontstopmenow. Si ferma, invece, la corsa della Reggina su un campo storicamente ostico. Il Catania avanza al prossimo turno dove in seguito ad un sorteggio scoprirà l’avversario per continuare a sognare la Serie B. Una classica del Sud, quella tra Catania e Reggina che meriterebbe categorie superiori.

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *