Milan, ecco il 4-3-1-2 con Giampaolo: da Quagliarella al sogno James

di Simone Ducci –

“Non sopporto più di perdere, per me ogni sconfitta è una lacerazione”. Queste sono state le recenti parole pronunciate da Marco Giampaolo. L’allenatore della Sampdoria è reduce da ottime stagioni con i doriani, che hanno contribuito in maniera sensibile a far circolare il nome del tecnico di Bellinzona in seno alle società più competitive di Serie A.

Le sue dichiarazioni però risuonano quasi come un addio, il quale lo potrebbe portare a mettersi in discussione in una nuova avventura. Di possibilità aperte, del resto, ce ne sono molte. Giampaolo è stato accostato in questi giorni a un folto numero di squadre, tra cui il Milan. Proprio quest’ultima potrebbe essere la sfida giusta da cui ripartire.

I rossoneri infatti sono alle prese con una possibile rivoluzione tecnico-tattica, che potrebbe abbracciare allenatore e parte della dirigenza. L’arrivo del 51enne, diametralmente differente come stile di gioco da Gattuso, non farebbe altro che certificare il cambio di progetto. Ma come potrebbe presentarsi il Milan targato Giampaolo?

Ti piace Derbyderbyderby.it? Seguici su Instagram —> CLICCA QUI!

Milan, i possibili arrivi con Giampaolo: da Quagliarella al sogno Rodriguez

Marco Giampaolo è uno dei nomi più caldi per la panchina del Milan. Gattuso potrebbe fare le spese di una stagione che rischia seriamente di rimanere senza Champions League. Senza gli introiti economici europei, la società potrebbe dover avviare un risanamento finanziario. Gli organi di giustizia sportiva della UEFA infatti si pronunceranno prossimamente sulla questione relativa al Financial Fair Play.

Per cercare di far quadrare i conti e creare al contempo una rosa competitiva, la società potrebbe quindi far cassa con qualche gioiello e investire il ricavato direttamente sul mercato. Uno tra i possibili sacrificabili potrebbe essere Gianluigi Donnarumma, il cui addio potrebbe fruttare intorno ai 70 milioni di euro e venire rimpiazzato dall’arrivo dell’esperto Rui Patricio.  Un’altra pedina che frutterebbe un cospicuo tesoretto potrebbe essere André Silva, il cui futuro sembra lontano da Milano.

Con il ricavato di queste due partenze, Giampaolo potrebbe sicuramente portare qualche elemento cardine della sua Sampdoria. Andersen potrebbe essere il colpo giusto per sistemare la difesa, mentre Praet potrebbe arrivare per garantire qualità e palleggio in mezzo al campo. In avanti poi la società potrebbe provare a far impazzire tecnico e tifosi con un colpo da sogno, provando a soffiare alla concorrenza James Rodriguez, pronto a tornare solo temporaneamente al Real Madrid. Come partner di Piatek infine, Giampaolo potrebbe provare a chiedere alla nuova dirigenza il bomber Quagliarella. Tenendo anche presenti i risparmi sul tetto ingaggi che frutteranno gli addii di Montolivo (2,5 milioni), Abate (2,3 milioni), Mauri (1,4 milioni), Zapata (1,7 milioni) e Bertolacci (2 milioni), ecco come potrebbe presentarsi la squadra alla ripresa delle competizioni:

Milan (4-3-1-2): Rui Patricio; Calabria, Andersen, Romagnoli, Rodriguez; Praet, Kessié, Paquetá; James Rodriguez; Piatek, Quagliarella.

 

Please follow and like us:
>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *