Playout e Playoff: un passo avanti per Salernitana e Triestina

di Emanuele Landi –

Salernitana ok in gara 1 ma al ritorno ci sarà da soffrire a Venezia. Il derby tra bomber Moscardelli vs Granoche, invece, termina in parità. Nella serata di ieri si sono giocate le gare d’andata del playout (Salernitana-Venezia 2-1) per restare in Serie B ed una delle due finali del playoff di Lega Pro (Pisa-Triestina 2-2). Ritorno previsto a campi invertiti domenica quasi in contemporanea. La sfida, infatti, del Penzo tra lagunari e granata si giocherà alle 18. Il match tra alabardati e nerazzurri avrà il calcio d’inizio alle 18:30 al Nereo Rocco.

All’Arechi, con tanti supporters granata e senza tifosi ospiti, la Salernitana domina per mezzora e soffre i restanti 60 minuti. Avanti di due reti con le uniche conclusioni in porta della sfida. Grande protagonista è il difensore Lopez: al 14’ pennella un cross dove Djuric arriva più in alto di tutti e trafigge un non perfetto Vicario; 10 minuti dopo da una lunga rimessa di Lopez arriva la sponda aerea del bosniaco ed una girata perfetta di Jallow. Sul 2-0 sembra gara chiusa ma il Venezia si scrolla di dosso paure e scorie mentali, post decisione dei tribunali, e comincia a giocare. Al 35’ l’episodio che potrebbe svoltare la sfida: tocco evidente di mano di Mantovani ma per Di Paolo e il Var non c’è nulla. Il primo tempo termina tra le proteste di Cosmi e dei suoi giocatori. La ripresa, invece, è un monologo assoluto degli arancioneroverdi.

Esce uno spento Bocalon, emozionato dal derby personale. Tante le occasioni sprecate specialmente di testa derivanti da calci d’angolo. E’ nell’ultimo quarto d’ora quando capitano le chances migliori per gli ospiti. Pinato prima con tiro dalla distanza di poco a lato, poi Modolo con una zuccata da pochi passi sprecata. Il copione sembra premiare la Salernitana ed invece arriva l’uomo della provvidenza per i veneti nel primo dei sei minuti aggiuntivi. E’ Zigoni, dopo la tripletta decisiva al Carpi all’ultima giornata, a regalare una speranza per il ritorno. Cross dalla destra di Coppolaro ed incornata perfetta del bomber cresciuto nelle giovanili del Milan. Finisce 2-1 ed al ritorno la Salernitana ha due risultati su tre per salvare la categoria. Il Venezia, dal canto suo, con vittoria per un gol di scarto si regala i supplementari mentre con due è salva.

Bene la Salernitana, non si fanno male Pisa e Triestina

All’Arena Garibaldi spettacolare la prima frazione e bloccata la seconda. 2-2 il risultato finale tra Pisa e Triestina, costrette a vincere al ritorno per festeggiare il ritorno in Serie B. Un eventuale pari, infatti, prevedrebbe supplementari e rigori. Avanti dapprima gli ospiti dopo un quarto d’ora quando Granoche innesca l’azione che porta al tiro Procaccio. Respinta non comoda di Gori e tap-in vincente di Caracciolo. Al 39’ i padroni di casa rimettono tutto in discussione con il gol del capitano. Moscardelli risponde a Granoche in questa sfida tra bomber con un sinistro dai 20 metri imparabile per Offredi.

Equilibrio ritrovato per una manciata di minuti e di nuovo i biancorossi vanno in vantaggio. Azione che si sviluppa sulla sinistra, palla per Coletti che dal limite appoggia sulla destra per la corrente Formigoni. La conclusione non irresistibile del difensore diventa beffarda per Gori per una leggera deviazione e gli ospiti vanno il riposo avanti. Più nervosismo e tatticismo nella seconda frazione che si stappa solo nel finale. Subentrato nella ripresa è Marconi al 86esimo a svettare di testa su un corner e battere Offredi per la rete del definitivo pari. Gara 1 divertente sia all’Arechi che alla Arena Garibaldi. La Salernitana porta a casa un piccolo vantaggio ma al Penzo sarà molto dura. Tutto rimandato tra Pisa e Triestina ma a campi invertiti gli alabardati potrebbero sfruttare il fattore casalingo.

 

Please follow and like us:
>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *