Genoa: l’Empoli non si è salvato, Aurelio forse sì…

di Serena Calandra –

Sarà stata la prestazione ai limiti del possibile, sarà stata la grande umiltà che lo caratterizza ma dal 26 maggio 2019 a stravolgere i piani del mercato e ad assicurarsi un posto tra i migliori è proprio lui: Aurelio Andreazzoli. Retrocesso in B con il suo Empoli, il tecnico toscano,  in un match di spessore come quello di San Siro è riuscito a riscattarsi ed a guadagnarsi un posto quasi sicuro nella massima serie.

A notarlo prima fra tutti e ad offrirgli questa possibilità  con molte probabilità,  proprio la squadra che nel derby a distanza, ha rischiato di vedersi strappare via il sogno della serie A, il Genoa.

La dirigenza rossoblù impressionata dal grande carattere messo in campo dagli uomini di Andreazzoli, lo premia mettendolo in pole position nella lista dei candidati alla panchina genoana. Il tecnico 65enne potrebbe essere la soluzione reale per un team come quello di Preziosi, che scosso da un campionato turbolento ha prima di tutto bisogno di ritrovare fiducia in se stesso e motivazioni nuove.

Aurelio Andreazzoli, tecnico esperiente e stimato, ritornerebbe in Liguria non più da giocatore alle prime armi ma protagonista di una panchina che a voce alta grida voglia di riscatto. Con lui cambierebbero di certo molte cose, prime tra tutte il modulo, il 4-3-1-2 o 4-2-3-1, ma soprattutto l’atteggiamento predominante da mantenere, mai “sotto-mettersi” bensì “mettersi in campo” con la convinzione che l’arma giusta per ottenere grandi risultati è solo una: credere in se stessi.

I prossimi giorni saranno quelli decisivi per Aurelio ed il Genoa, entrambi alla ricerca di una nuova e bella avventura…

Please follow and like us:
>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *