Derby della Mole, Mazzarri: lui c’è ma non sa con chi si batterà

di Elena Rossin –

Mai come in questo inizio d’estate il valzer delle panchine impazza e a volteggiare ci sono tanti allenatori. Tanti certamente, ma non tutti e fra quelli che sono certi di sapere che squadra alleneranno c’è Mazzarri che è ben saldo sulla panchina granata dopo la stagione positiva, anche se non terminata con l’approdo in nessuna competizione europea, del Torino.

Mazzarri si sta rilassando in vacanza, ma per uno come lui che vive di calcio è difficile che non pensi già alla prossima stagione e i suoi pensieri non saranno rivolti solo al mercato, a quali giocatori lasciar partire e su quali puntare per migliorare la rosa. Sicuramente penserà anche a come potranno essere le avversarie e da chi saranno allenate. Ecco che allora non potrà non chiedersi chi siederà sulla panchina della Juventus. Sarri? Guardiola? Deschamps? O magari Zidane? Chissà forse tornerà Capello o Ancelotti? Oppure a sorpresa il rivale nel derby sarà qualcun altro?

Non era ancora finito il campionato e già si sapeva che Allegri non sarebbe più stato l’allenatore della Juventus, ma sul nome del successore non ci sono ancora certezze. E prevedibile che non mancherà molto all’annuncio perché è impensabile che un club come la Juventus resti con questa casella vuota anche se la nuova stagione non è ancora iniziata e, quindi, un giorno in più o uno in meno d’attesa non fa più di tanto la differenza per le questioni di campo. Discorso molto diverso invece per il mercato, il nuovo allenatore qualche giocatore in particolare lo vorrà e se non ci fossero ancora assolute certezze su chi sarà il nuovo mister bianconero la dirigenza non può stabilire tutte le strategie atte a formare la nuova squadra.

Difficile immaginare il derby della Mole se non si sa chi allenerà la Juventus. Non mancherà sicuramente il duello a distanza fra Belotti e Cristiano Ronaldo o quello fra Sirigu e Szczęsny, ma che Juventus potrà essere non è dato ancora saperlo. Non ci sono dubbi che si tratterà di una squadra determinata a vincere sempre, però, sul resto regnano tante incognite. Mazzarri, come d’altronde tutti, non può far altro che aspettare.

Please follow and like us:
>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *