S.Siro: lo strano derby Inter/Milan vs Sala/Salvini

di Mattia Marinelli –

Non solo uno stadio, ma un ‘distretto’ che sia parte viva e integrante della città di Milano, dalla parte dei cittadini e nel dialogo con le istituzioni. Milan e Inter insieme hanno presentato oggi la domanda volta a richiedere la dichiarazione di pubblico interesse da parte del Comune di Milano. “Vogliamo un progetto dalla parte dei cittadini – hanno spiegato Alessandro Antonello, Paolo Scaroni e Ivan Gazidis – nessuno dei club vuole imporre nulla, ma tenere aperto il dialogo con le istituzioni”.

Milan e Inter hanno dunque presentato questo pomeriggio il progetto di fattibilità per la costruzione di un nuovo stadio nell’area di San Siro. Un progetto che prevederebbe, qualora lo si realizzasse (cosa alla quale è favorevole il senatore Adriano Galliani, ex ad del Milan che lo considera inevitabile), l’abbattimento del “Giuseppe Meazza”, per fare spazio in quella zona a un distretto multifunzionale dedicato allo sport, all’intrattenimento, allo shopping e al divertimento.

Sulla questione stadio è intervenuto anche il ministro dell’Interno, Matteo Salvini: “Chiedo copia del progetto: ogni novità è la benvenuta, soprattutto se ci aiuta a gestire meglio anche la sicurezza, ma da sportivo, italiano, milanese e milanista non posso pensare all’abbattimento del glorioso stadio di San Siro”.

Milano era abituata, sulla questione stadio, a vedere il sindaco Sala e l’Inter da una parte, il Milan dall’altra. Politicamente, poi, il dem Sala e il leghista Salvini sono lontanissimi. Ma sul nuovo distretto stadio e sulla nuova area di San Siro, c’è nostalgia sul vecchio San Siro sia da parte del primo cittadino milanese che da parte del vicepremier. Milan e Inter invece tirano diritto verso il futuro.

Please follow and like us:
>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *