Inter e Milan stadio nuovo: nel “vecchio” no ultrà all’Atalanta

di DDD –

Dopo il sì di comune di Milano e Inter sulla presenza dell’Atalanta a San Siro nella Champions League 2019-2020, il Milan sta tenendo palla piu del previsto, ma a Bergamo sono fiduciosi, dovesse esserci invece un no ci sarebbe una virata su Reggio Emilia dove i nerazzurri hanno già giocato in Europa League.

Contro l’Atalanta a San Siro si sono espressi sia gli ultras Inter (“No San Siro ad una storica rivale delle milanesi”) che gli ultras Milan: “Queste decisioni non le devono prendere i sindaci, lo stadio lo vivono i tifosi”.

Il Giornale ha preso posizione: secondo il quotidiano milanese è un no assurdo da parte degli ultrà, sarebbe una vergogna negare lo stadio all’Atalanta, proprio nel giorno del nuovo progetto gli ultras rivendicano con sottili minacce la sacralità di San Siro.  Anche Tuttosport cavalca l’onda pro-Atalanta ricordando al Milan quando è dovuto andare a giocare sul campo neutro di Bergamo.

Intanto c’è un nuovo che avanza. Il presidente rossonero Paolo Scaroni: “Abbiamo lavorato e lavoreremo per creare lo stadio più bello del mondo”, un impianto da 60-65 mila posti che darà lavoro a 3500 persone. Ristrutturare San Siro vorrebbe dire investire gli stessi soldi senza avere gli stessi risultati, Inter e Milan non demoliscono nulla ma al posto dell’attuale stadio serve il distretto commerciale, la legge sugli stadi consente di raddoppiare le volumetrie, Sala è dubbioso ma prima di parlare vuol far leggere ai tecnici le 750 pagine del progetto, per Sala un alleato insperato pro San Siro: Salvini. Per il pd Monguzzi idea da respingere, per il leghista Morelli San Siro non si tocca, Forza Italia rispolvera l’idea del referendum.

Please follow and like us:
>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *