Benfica dai due volti: vince il derby nonostante i fumogeni degli avversari ma adesso deve giocare a porte chiuse

Benfica dai due volti: vince il derby nonostante i fumogeni degli avversari ma adesso deve giocare a porte chiuse

Benfica condannato: respinto il suo ricorso

di Redazione DDD

Dopo il derby vinto dal Benfica sul campo dello Sporting Lisbona nonostante il lancio di fumogeni e bengala sul campo da parte dei tifosi di casa che hanno ritardato l’inizio della ripresa, tornano al centro dell’attenzione in Portogallo i comportamenti dei tifosi più violenti e più agitati.

Il Tribunale arbitrale dello sport portoghese ha respinto l’appello del Benfica contro la punizione di giocare una partita a porte chiuse: decisione che sarà appellata dal club. Le fonti ufficiali del Benfica hanno confermato che il Club farà appello apresso il Tribunale centrale e amministrativo del sud del Portogallo, chiedendo la sospensione della penalità sia della gara a porte chiuse che della multa di 11.475 euro inflitta al Benfica.

Questa punizione è stata imposta dal Consiglio Disciplinare (CD) della Federcalcio portoghese (FPF), per il comportamento dei tifosi del Benfica nella trasferta a Estoril Praia, del 21 aprile 2018, “tradotto nel lancio di alcune torce sul campo di gioco “quando il Benfica ha segnato il 2-1.

Nell’ambito di questo processo, dopo il primo appello respinto, il Benfica aveva anche dovuto sospendere la vendita dei biglietti per il Classico con il Porto, settima giornata dell’edizione 2018/19 della Liga portoghese, in programma il 7 ottobre 2018 e che si sarebbe poi giocato allo stádio da Luz.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy