Dragoes, bilancio del Porto in caduta libera: 116 milioni di euro, perdita record e austerity!

Il Porto fuori dall’Europa che conta si lecca le ferite sul piano economico….Una prima crisi il club di Oporto l’aveva avuta già nel 2017, quando Jorge Mendes chiamò in soccorso il Milan per acquistare Andrè Silva, ma ora…

di Redazione DDD

Il Porto ha presentato un bilancio da 116 milioni di euro di perdite, la cifra più alta della sua storia. I dirigenti spiegano che ciò è accaduto a causa della pandemia e della mancata qualificazione alla Champions League. Il Porto ha riportato oggi il pessimo bilancio della stagione 2019-20, al punto da registrare le maggiori perdite nella storia della Sociedad Anónima Deportiva di Oporto. Un totale di 116,16 milioni di euro di risultato economico, qualcosa che viene vissuto come una vera sorpresa in Portogallo e che costringe il club a entrare in un momento di austerità e controllo economico per risolvere le gravi conseguenze che la sua stagione scorsa ha avuto.

I tifosi del Porto due anni fa… (Photo by Octavio Passos/Getty Images)

Il club giustifica il suo rapporto economico sulle conseguenze della pandemia, che ha colpito in particolare decine e decine di entità nel continente. Inoltre, avevano pianificato la stagione con l’idea di giocare la Champions League, ma alla fine hanno perso nel terzo turno preliminare contro il Krasnodar. Anche l’Europa League non ha fatto registrare molti introiti, dopo la sconfitta con il Bayer Leverkusen nei sedicesimi di finale della competizione. Tuttavia non era prevista una perdita di tale calibro. Nella dualità economico-sportiva che le squadre di calcio devono affrontare, il Porto ha firmato un pessimo equilibrio monetario, anche se ha vinto l’ultimo campionato portoghese.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy