Il derby delle cifre, Kean e Cutrone più di 50 milioni in due: la forbice non è ampia

Il derby delle cifre, Kean e Cutrone più di 50 milioni in due: la forbice non è ampia

Patrick Cutrone e Moise Kean, entrambe astri nascenti del calcio italiano, hanno fatto le valige per approdare in Inghilterra. Due addii dal retrogusto amaro, specie per le aspettative riposte su di loro.

di Valentina Alduini

di Valentina Alduini –

Fino ad un mese fa circa, condividevano l’esperienza dell’Europeo Under 21. Adesso, dopo un frugale ritorno in Italia nei rispettivi club, ecco che Patrick Cutrone e Moise Kean vivranno una nuova esperienza vicini ma, in un certo senso, lontani. Si, perchè entrambi giocheranno in Premier League ma in due squadre differenti. Infatti, se il primo è passato al Wolverhampton, il secondo è approdato all’Everton.

Due addii inaspettati (ma neppure troppo) quelli dei due attaccanti che hanno dunque salutato la Serie A. Ricordiamo che Patrick Cutrone ha chiuso la sua ultima stagione con un totale di 43 presenze e 9 gol. E dopo essere volato per un periodo brevissimo negli Usa con il Milan per la tournée estiva, è ritornato in Italia. Poco dopo il suo rientro, è ripartito per approdare alla corte del Wolverhampton. L’affare si è concluso alla cifra di 18 mln di euro (più bonus).

Tuttavia, il saluto tra il classe ’98 e il Milan è stato parecchio sofferto. A testimoniare ciò, non solo il messaggio social dello stesso calciatore a cui sono seguiti i commenti dei compagni, ma anche le opinioni espresse dalla tifoseria. Infatti, gran parte dei supporter rossoneri, sembrerebbero aver mostrato un certo disappunto per la scelta fatta dalla società.

In molti, sia tra i tifosi che tra gli addetti ai lavori, si sono chiesti se il sacrificio legato alla cessione di Patrick Cutrone sia stato un bene in ottica futura. In effetti, anche se a livello economico la vendita del cartellino ha reso possibile al club un discreto incasso, in termini di gioco l’attaccante avrebbe avuto un margine di crescita non indifferente che sarebbe potuto tornare utile al Milan. Dunque, un saluto agrodolce quello tra l’attaccante e il suo ex club.

E, a giocare il derby tra attaccanti italiani in Premier League, ci sarà anche Moise Kean. Il Millennial, infatti, ha dato il suo saluto alla Juventus. Così come Cutrone, anche la sua cessione ha portato un certo incasso alla Vecchia Signora, in quanto la trattativa sembra essersi conclusa a 27,5 mln di euro (più bonus). Anche in questo caso, come di rito, il club bianconero e l’attaccante si sono salutati con messaggi di stima e ringraziamento. Da parte sua, Kean si è messo in mostra specie nell’ultimo spezzone della scorsa stagione, dove ha chiuso con un totale di 17 presenze 7 reti.

Perciò alla luce di quanto fatto vedere da Patrick Cutrone e Moise Kean ci si è chiesti se fosse corretto farli partire proprio adesso. Ad onor del vero, va detto che hanno vissuto un percorso tra alti e bassi, specie l’ex rossonero ma, alla loro età, appare quasi naturale. E, considerando che in estate si disputerà l’Europeo, ci si domanda se forse tenerli in Serie A, non sarebbe stato più utile anche per Roberto Mancini.

Chissà che oltre al derby tutto italiano che si giocheranno in Premier League, Kean e Cutrone non si trovino a giocarne un altro. Quale? Quello per un posto in Nazionale. La nuova stagione, per loro è alla porte. Come sarà il loro percorso inglese?

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy