Il derby di Courtois ma senza Morata: Zizou difende il portiere, il Cholo rinuncia ad Alvaro

Il derby di Courtois ma senza Morata: Zizou difende il portiere, il Cholo rinuncia ad Alvaro

E’ derby fra Atletico Madrid e Real Madrid

di Redazione DDD

Il derby tra Atletico e Real Madrid è il piatto forte del nuovo turno di Liga spagnola. Il Real, dopo il ko in Champions a casa del Psg, si è risollevato in campionato con due vittorie contro il Siviglia e l’Osasuna che l’hanno riportato in vetta alla classifica da solo.  Il derby di Madrid è in programma alle ore 20.45. L’incontro sarà trasmesso in esclusiva da DAZN, piattaforma da tenere in considerazione per tutti gli appassionati di calcio spagnolo. Tra gli aspetti positivi di questa modalità di visione c’è la possibilità di scegliere il dispositivo attraverso cui accedere ai contenuti. Basta infatti che il device sia connesso e Internet tra smart Tv, PC, smartphone, tablet e console videogiochi.

“Domani giocheremo per vincere – ha assicurato Zinedine Zidane, tecnico dei Blancos – La nostra filosofia resta sempre la stessa. Avremo difficoltà contro un avversario molto forte, ma le avranno anche loro”. Il portiere Courtois non si discute: “Siamo tutti sulla stessa barca. Tutto quello che voglio dai miei giocatori è che siano sempre preparati”.

La squadra di Diego Simeone arriva dal successo a Maiorca, ma dovrà fare a meno di Morata, squalificato. “Queste partite sono decise da dettagli – è il parere dell’argentino – Il Real è migliorato molto, immagino che continuerà così. Hanno giocatori molto bravi e se riescono a sfruttare gli spazi diventa complicato fermarli”. Niente derby dunque per Alvaro Morata. Espulso nell’ultima sfida di campionato contro il Maiorca, per aver reagito a degli insulti di Salva Sevilla, l’ex juventino non parteciperà alla sfida stra-cittadina contro il Real Madrid: il Comitato d’appello della Liga ha infatti confermato la squalifica di un turno che gli era stata inizialmente comminata.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy