Lampard non vince ma inizia a formare un nuovo grande Blue: Mason Mount

Lampard non vince ma inizia a formare un nuovo grande Blue: Mason Mount

Mount in gol contro il Leicester: nasce il progetto di un nuovo Lampard

di Redazione DDD

di Roberto Finocchiaro –

Non è ancora arrivata la pima vittoria stagionale per il neo tecnico, nonchè leggenda del Chelsea, Frankie Lampard, che nel pareggio strappato dal Leicester allo Stamforde Bridge ha visto brillare la stella di Mason Mount. Primo gol nella Londra blu per il classe ’99, il cui tempo è ancora tutto dalla sua parte, ma con un passato ed una storia blues già decennale in quanto entrato nelle giovanili del club londinese nel 2005, a soli 6 anni.

“Il livello del Chelsea era incredibile, sapevamo che c’era la possibilità di fare tornei in giro per l’Europa” dichiarerà il padre dopo la scelta presa a discapito del Portsmouth. E ancor di più si infiammerà la voglia di arrivare, per quel ragazzo con le idee già chiare, dopo aver saputo che negli ultimi 20 anni  l’ultimo calciatore proveniente dalle giovanili ad arrivare in prima squadra è stato John Terry; “Io sarò il prossimo” risponderà.

Soddisfazione ancor maggiore per Frankie Lampard che ha fortemente puntato sulla mezz’ala inglese dopo la parentesi della stagione 2017/18 in Olanda al Vitesse, e soprattutto averlo avuto la scorsa stagione al Derby County, sfiorando la promozione nella massima serie la scorsa stagione.

Insieme a Tammy Abraham (‘97) e Fikayo Tomori (‘97), Mason Mount ha mantenuto le promesse di quell’Academy d’oro che nel 2015/16 vinse la Youth League per la seconda volta di fila.

Inizio da sogno quindi per il golden boy inglese e chissà se potrà avvicinarsi alla leggenda di qul numero 8 che ha scritto le pagine più belle ed importanti del Chelsea: proprio lui, Frankie Lampard.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy