Intrighi Juve-Inter: plusvalenze gonfiate? Spy Story Icardi?

Intrighi Juve-Inter: plusvalenze gonfiate? Spy Story Icardi?

di Redazione Derby Derby Derby

di DDD –

Il CIES, osservatorio indipendente con sede in Svizzera e specializzato nello studio e nelle analisi dei numeri e delle statistiche del calcio, sta mettendo a punto una serie di algoritmi che possono permettere di stimare l’effettivo valore di mercato di un calciatore basandosi su una serie di parametri oggettivi. Ed è proprio il CIES ad andare all’attacco della Serie A, sottolineando su Twitter come le sempre più frequenti plusvalenze, ormai principale risorsa dei nostri club per raggiungere il pareggio di bilancio, siano spesso palesemente gonfiate.

L’affondo prende ad esempio il recente trasferimento di Andrea Pinamonti, che il Genoa ha prelevato dall’Inter per 18 milioni di euro: un’operazione che ha permesso al club nerazzurro di rientrare nei parametri imposti dal Fair Play Finanziario della UEFA, traguardo peraltro raggiunto negli ultimi anni dal club di Suning con le stesse modalità, la cessione di numerosi giovani prodotti dalla Primavera.  È il sito dedicato Calcio e Finanza ad andare più nello specifico, sottolineando come un terzo delle plusvalenze record prodotte nell’ultima stagione sia stata generata da sue soli club, Roma e Juventus (rispettivamente 132 e 113 milioni) che in questa maniera hanno potuto far respirare i propri bilanci. Una boccata d’aria effimera, perché prima o poi la bolla esploderà e saranno guai.

Sotto accusa anche gli scambi, da quelli che hanno portato Spinazzola alla Roma e Luca Pellegrini alla Juventus – valutazioni importanti per entrambi da mettere a bilancio come plusvalenze – e soprattutto quello che ha permesso al 20enne dell’Inter Marco Sala, una stagione all’Arezzo in Serie C alle spalle, di essere valutato 5 milioni di euro, la cifra necessaria al club nerazzurro per ottenere il prestito di Stefano Sensi dal Sassuolo, centrocampista che sarà acquistato soltanto la prossima estate sempre per ragioni di bilancio e con la stessa formula che ha portato a Milano nell’estate 2018 Matteo Politano.

Juventus e Inter soprattutto, nel mirino del CIES. Ci sarebbero le stesse logiche e la stessa strategia. Su Icardi invece (a proposito, Wanda è tornata ad esplodere sui social beatificando se stessa e il marito, come si può vedere in una delle foto pubblicate sui social), ci sono due letture diverse, entrambe clamorose. Secondo Repubblica, l’Inter sta entrando nell’ordine di idee di abbassare il prezzo di Icardi pur di venderlo in fretta e sbloccare la trattativa Lukaku. La Juve può prenderlo subito per 40 milioni di euro. Il CorSera scrive invece che la Juve ha chiesto a Icardi di tenere duro e restare ancora un anno all’Inter per bloccare il mercato degli attaccanti di Marotta e tra dodici mesi prendere l’ex capitano a un prezzo irrisorio. Quest’ultimo scenario sarebbe assolutamente clamoroso. Una sorta di spy story in servizio permanente effettivo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy