tu chiamale vuoi rocchi vince sia derby campionato

tu chiamale vuoi rocchi vince sia derby campionato

di Valentina Alduini

di Davide Capano –

Tommaso Rocchi, allenatore della Lazio Under 14 e primo acquisto dell’era Lotito, ha parlato ai microfoni di Lazio Style Radio, dopo il successo nel derby scudetto con la Roma.

Ecco le sue dichiarazioni: È bellissimo vincere questo campionato, i ragazzi hanno disputato un ottimo percorso iniziato da agosto, non abbiamo mai perso nella Regular Season, il derby poi è sempre una sfida sentita, inoltre c’è l’emozione e la tensione di ragazzi che hanno 14 anni. La squadra è stata brava, ha giocato un ottimo primo tempo poi siamo stati bravi a mantenere la lucidità e la freddezza di colpire ancora. Nel corso della stagione, abbiamo disputato tante ottime partite contro squadre di livello come Real Madrid, Inter e Torino.  La finale secca è sempre particolare, può essere decisa da episodi, l’errore che può cambiare la partita è sempre dietro l’angolo, ci sono anche stanchezza e dispersione di energie ma, nonostante questo, abbiamo disputato un primo tempo positivo. Nella ripresa siamo rientrati forti del doppio vantaggio ma ci siamo abbassati troppo, abbiamo giocato qualche palla lunga di troppo poi ci siamo rimessi a posto ed abbiamo segnato il terzo gol. Il mio premio è nel quotidiano e nel trasmettere il massimo ai ragazzi, migliorandomi anche io giorno dopo giorno. Non è un lavoro sempre lice ma ho voglia e passione, stare in campo mi rende felice e orgoglioso di quello che sto facendo. Creando un rapporto nasce una confidenza speciale con i ragazzi però è importante anche per loro avere una figura di importante, di riferimento, che ha giocato a calcio: cerca di trasmettere loro tutto quello che ho vissuto, chiedo a loro cose che ho vissuto sulla mia pelle ed è bello condividerle con loro. Mi piace anche commentare le partite, sono contento che la Lazio abbia vinto la Coppa Italia e io abbia portato bene. Per tutto quello che ho fatto in biancoceleste, sono felice di essere stato anche ambasciatore della finale. La Lazio è sulla mia pelle.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy