derby tono minore promossi premier villa john terry

derby tono minore promossi premier villa john terry

di Davide Capano

di Davide Capano –

C’erano anche il Principe William e John Carew sulle tribune di uno stracolmo (85mila spettatori) Wembley ieri pomeriggio a festeggiare la promozione in Premier League dell’Aston Villa. Nella finale playoff disputata nel tempio del calcio inglese, i Villans, con in panchina come allenatore in seconda John Terry, hanno sconfitto per 2-1 il Derby County allenato dall’ex compagno di squadra, ai tempi del Chelsea, Frank Lampard. A decidere la finale che vale oro (la promozione in Premier tra diritti tv e altro vale qualcosa come 200 milioni di euro) sono stati i gol di El Ghazi (44esimo) e McGinn (58esimo), mentre per i Rams ha segnato Waghorn a nove dal novantesimo.

L’Aston Villa torna nella massima serie britannica dopo tre stagioni di sofferenza in Championship e la delusione della finale persa nella scorsa stagione contro il Fulham. Con buona pace dei cugini del Birmingham che l’anno prossimo non disputeranno il Second City derby. I claret&blue, guidati da Dean Smith, guarderanno i concittadini dall’alto, insieme alle neopromosse Norwich e Sheffield United.

Intanto il finalista sconfitto Lampard ha dichiarato al termine della gara: “Sono il manager di questo Club, e sono molto orgoglioso di esserlo. Futuro? Ho un contratto di due anni, mi piace lavorare qui e voglio continuare a progredire con questo club. Ai ragazzi ho detto un enorme grazie per quello che hanno dato. Quello che vedete è un gruppo di amici che sono davvero delusi. Li vedo con la testa in giù e questo è difficile per me, perché li amo come un gruppo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy