Il Montenegro incolpa il derby di Belgrado: “Eravamo a zero casi Covid da giorni, ora abbiamo 7 nuovi pazienti”

Il Montenegro incolpa il derby di Belgrado: “Eravamo a zero casi Covid da giorni, ora abbiamo 7 nuovi pazienti”

I tifosi montenegrini andati a Belgrado per vedere Partizan-Stella Rossa hanno creato un bel problema…

di Redazione DDD

Il direttore del Centro clinico del Montenegro, Jevto Eraković, ha dichiarato che tutti i casi di Coronavirus in Montenegro registrati negli ultimissimi giorni sono stati importati e ha aggiunto che si aspetta che il numero di persone infette sia ancora più alto nei prossimi giorni. Secondo lui, la colpa di questa situazione è la presenza dei tifosi montenegrini al derby Partizan-Stella Rossa, che si è giocato a Belgrado la scorsa settimana. Erakovic ha affermato che, se si tiene conto del comportamento irresponsabile di alcuni, è abbastanza probabile che il virus sia riapparso in Montenegro per questi motivi: “Ci si aspettava che sarebbero stati importati nuovi casi. Ci aspettavamo questo problema, quindi se guardiamo al comportamento di determinati individui e gruppi irresponsabili, il rischio è che si vada verso un numero ancora maggiore nei prossimi giorni”, le sue parole.

Tensione in Montenegro per nuovi casi Covid dopo il derby di Belgrado

Le cifre non sono clamorose, ma dopo il derby della semifinale di coppa di Serbia vinto dal Partizan, sono stati registrati sette nuovi casi in Montenegro, con altri due pazienti ricoverati in ospedale mercoledì sera: “Stiamo monitorando le loro condizioni, i due pazienti che abbiamo ricevuto la scorsa notte ci inducono a stare attenti. Hanno un quadro clinico serio”, ha detto Erakovic, aggiungendo che il Montenegro ha affrontato responsabilmente la protezione della salute dei suoi cittadini, motivo per cui non è consentita l’apertura delle frontiere con la Serbia. Ha aggiunto che è chiaro che la partenza dei cittadini montenegrini che sono andati comunque a andare a vedere il derby che si è giocato a Belgrado, ha portato a questa situazione.

Il dottor Jevto Erakovic

“Era già successo in Italia dopo la partita a Milano fra Atalanta e Valencia, ma per fortuna il virus ha meno potenziale in questo momento”, ha detto Erakovic. Parlando del numero di coloro che sono tornati in Montenegro dopo la partita fra Partizan e Stella Rossa, Eraković ha valutato che spetta alle autorità competenti esaminare chi fosse presente, come e in che modo: “Ognuno dei tifosi presenti allo stadio, se venisse regolarmente in Montenegro, dovrebbe trovarsi in quarantena o in isolamento da sé. Il nostro Stato continua ad avere un atteggiamento responsabile e non consente a qualcuno che può danneggiare la salute di tutti noi di camminare liberamente o entrare in Montenegro. “Se le informazioni sono corrette, un certo numero di nostri cittadini è rimasto in Serbia… Ho una grande quantità di informazioni non ufficiali che lo confermano”, ha detto Erakovic. Del resto, aggiunge il direttore del centro clinico montenegrino, non esiste un epidemiologo serio che abbia dato il suo consenso all’organizzazione di raduni di massa, in particolare per le partite: riferimento polemico alla Serbia e al suo governo. Ricordiamo che lo scorso 2 giugno il Montenegro aveva dichiarato la fine dell’epidemia, perché non c’erano pazienti e non c’erano persone infette da 28 giorni.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy