ponzio pilato via allegri ignora conflitto dinteressi

ponzio pilato via allegri ignora conflitto dinteressi

di Redazione Derby Derby Derby

di Franco Ordine –

Decisionista di martedì, Ponzio Pilato il giovedì. È la piroetta effettuata da Gabriele Gravina, presidente della federcalcio da pochi mesi, messo subito alla prova dal caso Palermo e Foggia. Entrato in consiglio con l’idea, espressa nelle ore precedenti in modo pubblico, di cancellare la delibera della Lega di serie B che ha abolito i play-out, è uscito con la trovata di affidare al collegio di garanzia del Coni il compito di dirimere la questione squisitamente giuridica.

“Ci sono due correnti di pensiero” ha motivato. E cioè se ha valore la tesi di Lotito e soci, a favore della Salernitana, secondo cui gli spareggi valgono solo per la promozione mentre vengono cassati quelli per decidere la quarta retrocessa dopo la sentenza del Palermo finito all’ultimo posto della classifica cui ha diritto il Foggia (contro la Salernitana). Balata ha esibito una serie di pareri legali mentre la stragrande maggioranza del consiglio federale si è espressa contro la soppressione di una regola in corso.

Solo Francesco Ghirelli, presidente della Lega pro, ha avuto il coraggio di firmare una dichiarazione pubblica segnalando il conflitto d’interesse di Lotito e Mezzaroma (vice-presidente della lega di B). Gravina non ha avuto il coraggio di andare alla conta in consiglio e di prendere una decisione a maggioranza temendo ricorsi e contro ricorsi della stessa lega di B che andava invece commissariata come ha suggerito un collaudato conoscitore delle carte federali, l’ex direttore generale Antonello Valentini. La palla così passa al foro Italico. Entro quanto tempo decideranno? Una settimana, dicono nei corridoi di via Allegri. Nel frattempo può succedere ancora di tutto. Povero calcio nostro!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy