Tra qualche ora si giocherà la finale di Europa League tra Chelsea e Arsenal e, in tale occasione, Sarri e Emery potrebbero affidarsi a pezzi da novanta come Eden Hazard, Lacazette e Aubameyang.

Tra qualche ora si giocherà la finale di Europa League tra Chelsea e Arsenal e, in tale occasione, Sarri e Emery potrebbero affidarsi a pezzi da novanta come Eden Hazard, Lacazette e Aubameyang.

di Valentina Alduini

di Valentina Alduini –

L’attesa è finita: tra poche ore sapremo il nome della vincitrice dell’Europa League. Tra Chelsea e Arsenal, soltanto una alzerà la coppa in quel di Baku. Sotto il cielo, qualcuno piangerà e qualcun’altro sorriderà. Indubbiamente i due club proveranno un pizzico di tensione ma, in questi casi, è assolutamente giustificabile. A tal proposito, va detto del presunto diverbio che avrebbero avuto ieri in allenamento David Luiz e Higuain, con Sarri che avrebbe lasciato la seduta. Spostando però l’attenzione sulle probabili formazioni, l’argentino potrebbe partire dalla panchina.

Infatti, in attacco, Maurizio Sarri potrebbe puntare su Pedro, Giroud e Eden Hazard; Emery, dal canto suo, potrebbe affidarsi al duo Lacazette-Aubameyang, supportato da Ozil. Insomma, due signori reparti avanzati, considerando anche chi starà in panchina. Tra gli attaccanti citati, alcuni sono andati a segno anche nel corso delle semifinali. Di chi si tratta? Per il Chelsea, è stato Pedro a segnare nella semifinale di andata contro l’Eintracht, mentre per i Gunners Lacazette e Aubameyang hanno segnato sia all’andata che al ritorno contro il Valencia.

Analizzando il numero di reti siglate da questi attaccanti in Europa League, sino ad ora, è Aubameyang il più attivo. L’attaccante dell’Arsenal, infatti ha segnato ben 8 gol. Alle sue spalle, troviamo il compagno Lacazette che, per il momento, ha messo a segno 5 reti. Infine, c’è Pedro che con la maglia del Chelsea, ha sino ad oggi collezionato 4 reti in quest’anna della competizione.

Dunque vien semplice pensare che, anche nel corso della finale, questi giocatori vogliano mettere il proprio sigillo. Le doti, di certo, non mancano a nessuno di loro così come non sono sprovvisti della fame che serve per cercare di vincere. Qualità, tenacia, concentrazione, voglia di divertirsi (e divertire) e cuore: ecco quale potrebbe essere la ricetta per alzare la coppa.

Sia Chelsea che Arsenal desiderano vincere il torneo ma, purtroppo, il gradino più alto del podio spetterà soltanto ad un club. Se a vincere fossero i Gunners, ecco che riuscirebbero ad ottenere un posto nella prossima edizione di Champions League. Ma, anche il Chelsea ha certamente le sue buone motivazioni. A proposito dei Blues, girerebbero voci su un possibile addio di Eden Hazard e di un probabile saluto anche del tecnico Maurizio Sarri. Naturalmente, nulla è certo ma l’eventuale vittoria della finale potrebbe essere per entrambe un bello sfizio e un modo per festeggiare insieme a tutto l’ambiente.

Vista la situazione, c’è da aspettarsi una finale di alto livello e dalle grandi emozioni. Chelsea e Arsenal scenderanno in campo con un unico obiettivo: la vittoria. Ognuna con i suoi assi e con i propri pensieri, cercheranno di non dare solo una carezza al sogno e un’occhiata sfuggente alla coppa. Perchè ciò, per entrare nella storia, non è sufficiente: per farlo, occorre portare il trofeo nella propria bacheca. E allora, che lo spettacolo abbia inizio.

 

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy