15 conferme lallenatore italiano si riscopre piu stabile

15 conferme lallenatore italiano si riscopre piu stabile

di Redazione Derby Derby Derby

di Enrico Vitolo – Da una parte la fretta di voler vincere, dall’altra la lucidità nel saper aspettare. Un confronto quasi impari. Lo dice la storia, quella del calcio italiano. Da sempre, infatti, nella maggior parte dei casi ha preso il sopravvento la voglia dei presidenti e dei direttori sportivi di voler cambiare allenatore dopo appena qualche risultato poco confortante. Un via vai continuo. Molte volte anche inaspettato. Sorprendente. Ma qualcosa, forse, sta cambiando. Negli ultimi anni gli esoneri ci sono sì stati (9 nella scorsa stagione di serie A), ma la percentuale sta iniziando ad abbassarsi. Un segnale ancora più confortante è la voglia di quasi tutti i club del massimo torneo italiano di voler dare continuità ad un certo tipo di lavoro. Di portare finalmente avanti gli ormai famosi “progetti” di cui tutti parlano senza neanche più rendersi conto della reale importanza della parola stessa. Ma intanto se in 15 club su 20 hanno deciso di non cambiare allenatore in vista della stagione 2018-19 il cambiamento inizia ad avere davvero delle basi solide. Almeno per il momento, visto che poi durante il campionato tutto potrà essere ribaltato. Ma in attesa di capire cosa accadrà concretamente da agosto a maggio, la novità in ogni caso c’è e non va assolutamente sottovalutata. Tra le riconferme eccellenti ci sono, ovviamente, quelle di Gasperini (Atalanta), Spalletti (Inter), Allegri (Juventus), Gattuso (Milan), Di Francesco (Roma) e Inzaghi (Lazio). A ruota, poi, quelle di D’Anna al Chievo Verona, che ottenendo la salvezza nella parte conclusiva dell’ultima stagione ha conquistato anche la fiducia della proprietà per quella successiva, di Andreazzoli che rimarrà quindi ad Empoli, di Pioli alla Fiorentina, di Longo al Frosinone, di Ballardini al Genoa, di D’Aversa al Parma, di Giampaolo alla Sampdoria, di Semplici alla Spal e di Mazzarri al Torino. Ma alle tante riconferme bisogna affiancare anche qualche novità, che in alcuni casi era preventivabile. A Bologna, ad esempio, chiuso il ciclo Donadoni si è deciso di ripartire da Filippo Inzaghi che a distanza di due stagioni ritrova con merito il palcoscenico più grande. A Cagliari fiducia totale in Maran, così come a Sassuolo con De Zerbi. L’Udinese, invece, ha puntato tutto sulla scommessa Velazquez, ex tecnico del Rio Ave in Portogallo, mentre il Napoli ha piazzato il vero colpo ad effetto con il ritorno a sorpresa di Carlo Ancelotti. Tutti, dunque, al proprio posto con netto anticipo rispetto all’inizio della stagione, ora però la curiosità è capire in quanti riusciranno a rimanerci fino alla fine.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy