La marcia funebre dei tifosi Union Berlino prima del derby dell’Est: “Lipsia, con te il calcio muore”

Lipsia sempre primo, ma nella ex Germania dell’Est è polemica. I tifosi dell’Union Berlino accusano il Lipsia di iniettare selvaggiamente denaro nel calcio e che la vera tradizione del calcio a est della Germania è rappresentata da loro.

Gli ultras dell’Union Berlino hanno organizzato una “marcia funebre” a Lipsia ieri pomeriggio, a ridosso del match poi vinto dai padroni di casa alla Red Bull Arena 3-1 contro i berlinesi. I tifosi hanno marciato nel pre-partita verso lo stadio, dietro uno striscione che recitava: “Il calcio sta morendo a Lipsia”.

La polemica dei tifosi dell’Union è sulla sfrenata commercializzazione fatta dal Lipsia che ha creato dal nulla, a loro dire artificialmente, un club da primi posti ma senza una vera e propria tradizione. Si tratta di una iniziativa che era stata programmata da tempo.

I messaggi sulle croci includevano infatti termini come: “Partecipazione, cultura del tifoso, tradizione, emozioni, calcio reale”. Insomma, il calcio della storia e della poesia contro il calcio dello sponsor rappresentato dalla Red Bull.

Il calcio del Lipsia uccide il calcio? La protesta dei tifosi Union Berlino

All’arrivo alla Red Bull Arena, i tifosi dell’Union hanno lasciato il loro settore ospiti vuoto fino al calcio d’inizio e sono rimasti in silenzio per i primi 15 minuti della gara. L’Union era passata in vantaggio, poi la doppietta di Timo Werner e il gol di Sabitzer hanno blindato il primo posto del Lipsia in Bundesliga.

La protesta simbolica dei tifosi dell’Union Berlino anche all’interno della Red Bull Arena
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy