Basketcity, derby senza pubblico: la Fortitudo per il rinvio, ma la Virtus Bologna si chiama fuori “Spetta alla Lega”

Il mancato rinvio del derby di Bologna è diventato un vero e proprio caso.

di Redazione DDD
Ci sarebbe stata da parte della Fortitudo Bologna una richiesta alla Virtus di spostamento del derby che sarebbe stata rifiutata dalla società bianconera. Secondo quanto riferisce Damiano Montanari su Stadio, le precedenti dichiarazioni di Luca Baraldi sulla possibilità di giocare la stracittadina in un momento successivo, con la possibilità di avere un po’ di pubblico e di incasso, ci sarebbero stati colloqui in proposito tra le due dirigenze. Ma la Virtus avrebbe rifiutato il rinvio. E, come riporta Stadio, la Effe ha dovuto incassare il diniego, non nascondendo una certa delusione. Già alcuni tifosi illustri come Fabio Bazzani avevano invitato a chiamare la partita Fortitudo-Virtus e non derby, perchè senza pubblico non è derby. Ma visto che la zona arancione persiste in Emilia, anche se si giocherà a porte chiuse rivalità e sfottò si sposteranno sui social.

La Virtus, per fare chiarezza, ha dovuto emettere un comunicato per fare chiarezza e smentire le voci circolate stamattina: “Le dichiarazioni rilasciate in data 27 ottobre, dall’Amministratore Delegato Luca Baraldi, erano contestualizzate in un momento in cui si stava dibattendo la percentuale di capienza all’interno dei Palazzetti sportivi. Nelle settimane successive, con l’entrata in vigore del Dpcm in data 26 ottobre, Lega Basket ha assunto la decisione di proseguire il Campionato anche in assenza totale di pubblico, adottando un protocollo riferibile all’emergenza Covid e costituito da parametri oggettivi riguardanti il rinvio delle partite. Non è quindi nelle facoltà di Virtus Pallacanestro Bologna, o di altro Club, concedere o rifiutare un rinvio, in quanto sono i protocolli stessi adottati da Lega Basket che stabiliscono quanto sopra riportato”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy