petrarca pareggia sul piu bello rivincita rovigo al ritorno

petrarca pareggia sul piu bello rivincita rovigo al ritorno

di Redazione Derby Derby Derby

di Redazione DDD –

Nella pioggia e nel fango del Plebiscito la FemiCz Rovigo ha buttato alle ortiche una vittoria che è stata alla sua portata per molti degli 80 minuti di gioco, ma l’Argos Petrarca si è confermata squadra solidissima in difesa e cinica in attacco. Il pareggio finale, il ventesimo nei 165 derby giocati con i padovani che hanno agguantato i rossoblù all’ultimo minuto, è un colpo di scena per la squadra di Casellato e Properzi che ha dominato per grandi tratti dell’incontro senza però riuscire ad assestare il colpo del ko.

Semifinale Scudetto di andata ben giocata, ma la FemiCz Rovigo ha permesso ai bianconeri di restare in vita fino all’insperato pareggio raggiunto nel finale. In una gara fortemente condizionata dalle condizioni ambientali con palloni scivolosi finiti a terra da entrambe le parti.

E’ finita dunque 10-10, con un pareggio, la prima gara di semifinale tra Rovigo e Petrarca, con i padovani che hanno negato la vittoria ai Bersaglieri a tempo scaduto. Si ricomincerà da zero allo Stadio Battaglini, settimana prossima, dove si giocherà il ritorno.

“Tecnicamente parlando è stata una partita surreale. Abbiamo lavorato un anno per essere al 110% con il nostro gioco, ci siamo un po’ snaturati per via delle condizioni meteo e siamo stati anche bravi, forse avremmo meritato qualcosa in più – ha dichiarato Umberto Casellato, allenatore di Rovigo, a fine partita – Il Petrarca ha difeso lo Scudetto che ha sul petto ma è stata nel complesso una partita equilibrata. Domenica prossima saremo tra le mura di casa, sarà una sfida secca e un’altra battaglia. Speriamo che il meteo sia più clemente”.

Andrea Marcato:  “Abbiamo avuto grossi problemi ad uscire dal nostro campo – ha detto il tecnico al Mattino di Padova –  Un po’ la foga e soprattutto la disciplina ci hanno penalizzato. Basta vedere come siamo partiti, prendendo calcio contro dopo trenta secondi. Purtroppo abbiamo commesso sei falli solo nei primi dieci minuti di gara e a fine partita il conto era di diciassette infrazioni nostre contro sei avversarie. Per come si era messa, sono soddisfatto del risultato”, ha detto al Gazzettino il coach patavino

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy